5 consigli per la scelta del materasso

È il momento di cambiare materasso, per anni hai dormito sullo stesso e hai il dubbio che quello nuovo ti faccia fare notti insonni per sempre? Conoscere la struttura e sapere come scegliere è importante per fare un buon investimento. Eccoti 5 consigli indispensabili per decidere che il materasso comprare.

Cinque consigli per cambiare materasso: 1 Materiale

I materassi sono realizzati in varie tecnologie. Ci sono quelli in lattice, un materiale naturale elastico, che mantiene una memoria del peso della persona e si adatta alle posizioni tipiche del sonno.

Foam, una schiuma di poliuretano, completamente incapace di ospitare batteri e acari perché è sterile, con una flessibilità simile a quella del lattice. Il foam si può avere memory e con aree a portanza differenziata che si adattano al corpo.

Le molle, che hanno alcuni problemi legati al fatto che a lungo andare cedono. La parte interna è una una rete metallica elastica in ferro e due fogli flessibili di feltro che devono essere sanificati, perché possono ospitare colonie di acari. I materassi in fibra di cocco offrono morbidezza, ma devono essere sanificati. Hanno una risposta naturale e simile ai vecchi modelli in piuma.

Materasso foto unsplash

2 Dimensioni

A prescindere da quanto è grande il tuo letto, poi scegliere sostanzialmente tre formati: singolo, una piazza e mezzo e due piazze. Relax e il tuo modo di dormire sono determinanti, se scegli un materasso di qualità e made in Italy come quelli che propone Baldiflex.it. Con un singolo avrai uno spazio più stretto e in alcuni casi potrebbe risultati scomodo. Una piazza e mezzo invece ti consente di muoverti e di cambiare posizione durante il sonno, ma ti servirà una rete adatta.

Se il tuo letto è a due piazze puoi optare per uno grande o due singoli. In molti casi conviene, ma con un doppio si hanno vantaggi, tra cui una migliore distribuzione del peso e la mancanza della divisione.

3. Spessore

I materassi cambiano di comodità a seconda dello spessore. Possono essere sottili, fino a 5 cm o molto alti, più di 25 cm. Di solito le misure ottimali vanno tra il 20 cm e i 23 cm.

Più è alto il materasso più sarà facile trovarne un modello che sia combinato con più strati, con sospensioni a molla e copertura in foam. L’importante è non eccedere, perché un materasso alto potrebbe cedere e causare problemi posturali.

4. Versatilità

Non sempre il modo di dormire è identico durante l’anno. In alcuni casi si tende a muoversi parecchio nel sonno, quindi devi scegliere un materasso che ti garantisca di non dover soffrire posizioni scomode.

È importante che sia dotato di aree a portanza differenziata ma ottimizzate, in questo modo potrai tranquillamente in tutte le posizioni, sempre con il giusto supporto del bacino, della schiena e del collo.

Inoltre deve essere traspirante per permetterti un sonno rilassato senza sudare troppo, specie in estate.

5. Rigidità

Il materasso influenzerà le tue giornate. Se ne compri uno troppo duro o troppo morbido al mattino ti sveglierai con dolori al collo e alla schiena che potrebbero aggravarsi. È bene scegliere un materasso rigido, che ti permetta di sdraiarti senza sprofondare, ma flessibile. Inoltre i materassi molto rigidi vanno invece prescritti da un posturologo, in casi speciali.

Un materasso che sostiene la tua schiena con la giusta curva e che non ti esponga la posizioni innaturali è un investimento che si ripaga nel tempo con benessere, sonno profondo e una maggiore concentrazione durante le giornate.

Di Luca Talotta

Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *