Israele

Sabato scorso Shlomi Katzin, residente ad Atlit, stava facendo immersioni subacquee al largo della costa del Monte Carmelo in Israele quando è rimasto stupito nello scoprire antichi manufatti sul fondo del mare, apparentemente scoperti dalle onde e dalle correnti sotterranee che avevano spostato la sabbia. Improvvisamente vide antiche ancore di pietra, ancore di metallo, frammenti di ceramica e un’impressionante spada con una lama lunga un metro e un’elsa lunga 30 cm. Temendo che il ritrovamento sarebbe stato rubato o sepolto sotto il successivo spostamento delle sabbie, Mr. Katzin ho portato la spada a terra e riferendo del ritrovamento all’Autorità per le Antichità israeliane.

Israele, la spada

La spada è stata consegnata al Dipartimento del Tesoro Nazionale e Katzin ha ricevuto un importante riconoscimento per la sua azione che lo ha qualificato come un cittadino modello. Una volta che la spada è stata pulita e ricercata nei laboratori dell’Autorità per le antichità di Israele, ci assicureremo che venga mostrata al pubblico.

Dichiarazioni

Secondo Nir Distelfeld, ispettore dell’Unità per la prevenzione delle rapine dell’Autorità per le antichità israeliane, “La spada, che è stata conservata in perfette condizioni, è un reperto bello e raro ed evidentemente apparteneva a un cavaliere crociato. È stata trovata incrostata di organismi marini, ma apparentemente è fatta di ferro. È emozionante imbattersi in un oggetto così straordinario, che ti riporta indietro di 900 anni nel tempo in un’era diversa, con cavalieri, armature e spade. “La costa del Carmelo contiene molte insenature naturali che hanno fornito riparo alle antiche navi in ​​caso di tempesta e insenature più grandi attorno alle quali si sono sviluppati interi insediamenti e antiche città portuali, come Dor e Atlit”, spiega Kobi Sharvit, direttore dell’archeologia marina dell’Autorità per le antichità di Israele. “Queste condizioni hanno attratto navi mercantili nel corso dei secoli, lasciando dietro di sé ricchi reperti archeologici. La spada recuperata di recente è solo uno di questi ritrovamenti.” ha concluso il dottor Sharvit.

Il sito

Il sito in cui sono state trovate le ancore e la spada è stato monitorato dall’Autorità per le antichità di Israele da giugno, quando è stato scoperto per la prima volta. I reperti del sito sono molto sfuggenti, poiché appaiono e scompaiono con il movimento delle sabbie. “La scoperta di reperti antichi da parte di nuotatori e subacquei ricreativi è un fenomeno in crescita negli ultimi anni, con la crescente popolarità di tali sport”, ha affermato Sharvit. “Il rilevamento subacqueo è dinamico. Anche la più piccola tempesta sposta la sabbia e rivela aree sul fondo del mare, seppellendone altre. È quindi di vitale importanza segnalare tali ritrovamenti e cerchiamo sempre di documentarli in situ, al fine di recuperare quanti più dati archeologici possibili.

Israele, reperti archeologici

I reperti archeologici nel sito mostrano che serviva da piccolo ancoraggio naturale temporaneo per le navi in ​​cerca di riparo. L’identificazione dei vari reperti mostra che l’ancoraggio è stato utilizzato già nella tarda età del bronzo, 4.000 anni fa. La recente scoperta della spada suggerisce che la baia naturale fosse utilizzata anche nel periodo crociato, circa 900 anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *