Hyundai

Hyundai ha un obiettivo: una società globale a idrogeno. Al forum globale virtuale Hydrogen Wave, il Gruppo ha presentato i suoi piani per diffondere l’idrogeno entro il 2040 attraverso l’introduzione di nuove tecnologie e soluzioni di mobilità nei trasporti e in altri settori industriali.

Hyundai al Forum Hydrogen Wave

Sottolineando ulteriormente il suo impegno pionieristico per l’energia pulita e sostenibile per tutti i tipi di mobilità, il Gruppo ha svelato piani senza precedenti, che vedranno l’elettrificazione di tutti i nuovi modelli di veicoli commerciali, con propulsori elettrici a celle a combustibile o a batteria, nonché l’applicazione di sistemi fuel cell a tutti i modelli entro il 2028. Questa audace strategia porrà il Gruppo all’avanguardia nel settore dei veicoli commerciali, contribuendo al processo di ridisegnare il settore e realizzare un futuro pulito sostenibile.

Dichiarazioni

“La visione di Hyundai Motor Group è di applicare l’energia a idrogeno in tutti i settori della vita e dell’industria, come case, luoghi di lavoro, e fabbriche. L’obiettivo è quello di rendere l’idrogeno facilmente utilizzabile per tutti, tutto e ovunque”, ha detto il presidente Chung al forum globale online Hydrogen Wave. “Vogliamo offrire soluzioni pratiche per lo sviluppo sostenibile dell’umanità e con questi passi avanti vogliamo contribuire a promuovere una società mondiale a idrogeno entro il 2040”.

Futuro a idrogeno

Fin dallo sviluppo del suo primo veicolo elettrico a celle a combustibile (FCEV), nel 1998, il Gruppo si è preparato per un futuro a idrogeno. Nel 2013 è stata presentata la ix35 Fuel Cell, che ha aperto la porta alla produzione di massa di veicoli a idrogeno. Poi, nel 2018, l’azienda ha lanciato il SUV fuel cell di nuova generazione NEXO, e nel 2020 il primo camion al mondo a celle a combustibile, XCIENT Fuel Cell. Oggi il Gruppo sta sostenendo l’idrogeno in modo che svolga un ruolo significativo nella costruzione di un futuro sostenibile e nella riduzione dalla dipendenza della società dai combustibili fossili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *