Sinusite nei bambini

Il raffreddore è una patologia molto diffusa tra i neonati che non hanno ancora sviluppato un sistema immunitario capace di combattere la comparsa di certi disturbi. Il raffreddore in genere scompare dopo qualche giorno ma se si protrae per un periodo superiore ai dieci giorni e il naso chiuso è accompagnato da altri sintomi forse il piccolo potrebbe aver sviluppato la sinusite.

Sinusite nei bambini: i sintomi

Riconoscere la sinusite nei neonati non è sempre semplice perché i sintomi sono molto simili a quelli di un comune raffreddore. La sinusite comporta però ulteriori manifestazioni fastidiose come mal di testa e dolore agli occhi causato dall’ostruzione dei seni paranasali presenti sul volto.

Nei neonati è possibile riconoscere la sinusite quando il muco è molto abbondante oltre che sieroso o purulento, compare la febbre, il piccolo è particolarmente stanco, i suoi occhi sensibili alla luce e l’alito è cattivo.

Sinusite nei bambini: le cause

La sinusite può comparire per diversi motivi e spesso è la conseguenza di una rinite allergica. La sinusite può apparire anche per delle problematiche respiratorie quali polipi o deviazioni del setto nasale che impediscono una normale eliminazione del muco. Oltre a questo è possibile che questa compaia nei neonati frequentanti l’asilo nido, dove il contatto con altri bambini aumenta la possibilità di infezione virale. Infine, si può essere soggetti alla sinusite anche per via ereditaria.

Come curare la sinusite nei bambini

Nella maggior parte dei casi la sinusite nei bambini si risolve in maniera spontanea a meno che non sia di origine batterica. In questo caso è necessario l’intervento del pediatra che, una volta valutata la situazione, potrà prescrivere una cura antibiotica e un mucolitico tramite aerosol per lenire la congestione.

Se la sinusite è invece di origine virale non devono essere somministrati farmaci ma possono essere usate delle nebulizzazioni con soluzioni fisiologiche che assicurano la fluidificazione del muco e una sua uscire migliore. Per liberare il naso possono essere effettuate le irrigazioni e i lavaggi nasali.

Sinusite nei bambini: la prevenzione

Per prevenire la comparsa della sinusite è molto importante che il piccolo sia sempre idratato: bere molta acqua è quindi fondamentale per la sua salute.

È inoltre importante tenere le fosse nasali libere utilizzando dei lavaggi nasali con soluzione salina ipertonica: in questo modo i canali sono lasciati liberi e viene agevolata la fuoriuscita del muco. Per garantire la massima protezione da virus e batteri è importante proteggere la testa dei piccoli con dei cappellini, in questo modo si evitano sbalzi di temperatura soprattutto nel periodo invernale.

I cappellini andrebbero usati nei neonati fin da subito, anche nel periodo estivo: i tessuti in cotone leggero e traspirante permettono una naturale uscita del sudore e mantengono la pelle fresca e idratata. I cappellini per neonati sono da scegliere in base alla stagione: cappellini caldi in lana per il periodo invernale in materiale 100% naturale di alta qualità o più freschi in cotone biologico nei periodi meno freddi. Siti specializzati in abbigliamento neonato come il Mondo di Leo, conoscono bene l’importanza dei cappellini per la salute del neonato, e propongono infatti tutto l’anno modelli adeguati ad ogni esigenza, in materiali di qualità, efficaci e sicuri.

Di Luca Talotta

Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...

Un pensiero su “Sinusite nei bambini: cause e prevenzione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *