Cattivi odori nel frigo? Ci pensa Shelfy

Sanifica l’ambiente del nostro frigorifero di casa e garantisce una vita più lunga a frutta e verdura. Si chiama Shelfy, è la risposta allo spreco alimentare dell’azienda friulana Vitesy. Un evidente impatto ambientale ed economico per le famiglie italiane.

Cattivi odori nel frigo? Ci pensa Shelfy

Sanifica l’ambiente del nostro frigorifero di casa e garantisce una vita più lunga a frutta e verdura. Si chiama Shelfy, è la risposta allo spreco alimentare dell’azienda friulana Vitesy. Un evidente impatto ambientale ed economico per le famiglie italiane.

Shelfy, prodotto 100% made in Italy

Si tratta di un dispositivo sostenibile 100% Made in Italy, progettato per migliorare, in poche semplici mosse, la salubrità degli alimenti presenti nel frigorifero. Una volta acceso, infatti, sarà sufficiente posizionarlo all’interno dell’elettrodomestico e inizierà ad agire. Si chiama Shelfy, prodotto dall’azienda pordenonese Vitesy è stato pochi giorni fa presentato ufficialmente nel mercato italiano. Specializzata nella realizzazione di soluzioni green e intelligenti per il benessere delle persone, Vitesy produce prodotti 100% made in Italy in grado di combattere l’inquinamento dell’aria e lo spreco alimentare. Argomento, quest’ultimo, al quale l’azienda friulana è particolarmente sensibile.

La risposta allo spreco alimentare

Solo in Italia - spiega Aisha Vendruscolo, Marketing Manager di Vitesy - vengono sprecati quasi 8,65 milioni di tonnellate di cibo per un valore economico complessivo di oltre 22 miliardi di euro, con una media annuale di 146 kg di cibo disperso per ciascun italiano ogni anno e quasi 0,40 kg di emissioni di CO2 generate a persona nel nostro Paese. Il 73% del totale si concentra tra le mura domestiche, da qui è nata l’esigenza di un prodotto come Shelfy

Problema non solo etico

È un progetto al quale stiamo lavorando da anni - prosegue Aisha Vendruscolo - Siamo nati nel 2016 nella Silicon Valley, il nostro primo purificatore d’aria lo abbiamo presentato a Las Vegas. Ma è a Pordenone che abbiamo sviluppato gli altri progetti” La lotta allo spreco alimentare è però vista dall’azienda friulana non più solo come problema etico. “E’ un problema anche sociale, economico e ambientale commenta Paolo Ganis, fondatore di Vitesy – Shelfy è la nostra risposta

Fotocatalisi, stop a cattivi odori e alla carica batterica

Grazie alla innovativa tecnologia fotocatalitica, Shelfy permette infatti di conservare i prodotti freschi prolungandone la durata e di abbatterne la carica batterica e fungina fino ad un livello 10 volte inferiore. Riduce inoltre i cattivi odori, degradando le molecole responsabili. Una volta entrati gli odori nel filtro a ceramica, la luce a led attiva la fotocatalisi che disgrega le molecole ed elimina l’etilene presente nel frigo. “Varie prove di laboratorio hanno dimostrato che Shelfy è in grado di eliminare gli odori fino all’80% e i batteri fino al 98%. - conferma Mauro Mercandel - Una indivia dura fino a quattro giorni in più, una albicocca e una fragola fino a sette e una zucchina addirittura fino a 12

Non solo risparmio in termini ambientali, anche economicità

Il filtro lavabile, con una batteria ricaricabile in sette ore e dalla durata di trenta giorni, consente poi un grande risparmio non solo in termini ambientali, ma anche economici “Non serve cambiarlo, basta lavarlo ogni due-tre mesi. La sua durata complessiva è stimata dai 5 ai 10 anni” Mentre il sensore di apertura porta e l’App Vitesy Hub aiutano inoltre a monitorare il consumo energetico del frigorifero fornendo consigli su come ridurlo.

Mercato italiano, l’obiettivo è rivoluzionare il rapporto con il cibo

Novità importanti, per un mercato come quello italiano. La tecnologia fotocatalitica ha origini nipponiche ma in Germania, Francia ed Inghilterra ha già preso piede. Ora tocca all’Italia, l’azienda friulana nutre in merito grandi aspettative. “Con Shelfy vogliamo aprire il mercato italiano, che pensiamo possa essere altrettanto ricettivo - conclude Mauro Mercandel - Siamo convinti di offrire una soluzione in grado di poter cambiare radicalmente il nostro rapporto con il cibo, sicuramente casalinghe e consumatori apprezzeranno”