Sono trascorsi cinque anni dalla scomparsa di Whitney Houston, una delle stelle più affermate nel panorama musicale. Sono però ancora tanti i misteri da scoprire sulle sue ultime ore.

Whitney Houston: i suoi successi più celebri

Whitney Houston inizia ad avere successo già da giovanissima, nei primi anni ’80. Nel 1985 arrivano due brani che la incoronano in tutto il mondo: “How Will I Know” e “Greatest Love of All”. Il terzo album ha un riscontro ancora più folgorante: qui sono contenute canzoni come “I’m Your Baby Tonight” e “I Wanna Dance With Somebody”.

Nel 1990 il punto più alto della sua carriera. Nessuno, però, si sarebbe aspettato che da lì a poco sarebbe iniziata una terribile discesa. L’ultimo vero trionfo può infatti essere considerato il film “The Bodyguard – Guardia del corpo” al fianco di Kevin Costner. In questo ruolo la cantante interpreta praticamente se stessa, anche se le permette di ottenere solo un “Razzy” (un premio non certo di merito). La pellicola è stata però un vero successo al botteghino. Da allora “I Will Always Love You” è diventata un vero classico.

Negli anni ’90, senza rinunciare ai milionari cachet cinematografici, già sposata con Bobby Brown, prosegue la carriera senza toccare più le vette di un tempo. Poi comincia il declino.

Nel complesso Whitney è riuscita a vendere 190 milioni di copie entrando nel Guinness dei Primati. E’ stata infatti una delle donne più premiate della storia.

Whitney Houston: stessa fine tragica per lei e la figlia

La morte di Whitney Houston è avvenuta in un modo davvero tragico. La regina del pop viene infatti trovata morta in un hotel di Beverly Hills a 48 anni. Per molti, però, una fine del genere era quasi prevedibile. Gli ultimi anni di vita, infatti, a causa anche della tossicodipendenza, le hanno regalato tanto dolore.

Nel 2015 se n’è andata anche la figlia dell’artista, Bobbi Kristina, in un modo altrettanto tragico. La giovane infatti era stata trovata priva di sensi nella vasca da bagno di casa sua il 31 gennaio del 2015. Quel giorno segna l’inizio del suo triste calvario, conclusosi, purtroppo, con la morte al termine di una lunga battaglia per la sopravvivenza combattuta insieme ai medici dell’Emery University Hospital fino al successivo 26 luglio.

Whitney Houston: l’omaggio di Sky

In occasione dell’anniversario della scomparsa dell’artista Sky Cinema Passion ha deciso di organizzare una programmazione speciale dedicata alla Houston. Alle 13.50 è infatti previsto il film “Whitney – Il film”, un documentario che punta a raccontare i momenti salienti della sua tormentata esistenza.

Una parte saliente della pellicola è dedicata al rapporto con Bobby Brown, il papà di sua famiglia, con cui la relazione non è mai stata semplice. Sarà quindi possibile ricordare il loro incontro, il successo vissuto da entrambi fino alla tragica fine della donna. A interpretarla è Yaya Da Costa, già vista in “Chicago Fire”, “Tron” e “Legacy”. La regia è affidata ad Angela Bassett.

Angela Bassett analizza in profondità: parte dalla cerimonia di premiazione dei Soul Train Awards (1989), dove avviene l’incontro fatale. Si potrà inoltre rivedere la sua memorabile interpretazione ai Grammys del 1994, dove ha cantato “I will always love you”. Il brano è la colonna sonora di “Guardia del corpo”, film in cui lei stessa era protagonista al fianco di Kevinc Costner.

2 COMMENTS

  1. This design is spectacular! You definitely know how to keep a reader entertained. Between your wit and your videos, I was almost moved to start my own blog (well, almost…HaHa!) Excellent job. I really enjoyed what you had to say, and more than that, how you presented it. Too cool!