Volkswagen

Guida autonoma di livello 3 e 4, un sistema mild hybrid a 48 V e un’architettura sviluppata in esclusiva per i veicoli elettrici: al 40° Vienna Motor Symposium, la Volkswagen presenterà la sua evoluzione verso una mobilità integrata e a impatto zero. Il sistema mild hybrid (mHEV) dà un importante contributo alla sostenibilità: a seconda dello stile di guida, può far risparmiare circa 0,4 litri di carburante ogni 100 km, riducendo in proporzione le emissioni di carbonio. Per la prima volta, la Volkswagen offrirà inoltre un approfondimento sulla sua architettura modulare elettrica MEB, che farà da base alla gamma di modelli ID. e a nuovi sviluppi della guida automatizzata.

Dichiarazioni

“Vogliamo offrire a ciascun Cliente la mobilità che desidera. E vogliamo
offrire esattamente il tipo di mobilità necessario a ciascun mercato. Per
questo abbiamo basato la nostra strategia in materia di propulsioni su
un’ampia gamma di tecnologie”, ha spiegato il Membro del Consiglio
d’Amministrazione Responsabile dello Sviluppo Tecnico Frank Welsch,

che mercoledì ha tenuto il discorso d’apertura alla Residenza Hofburg di
Vienna. “La nostra offerta spazia da varianti semi-elettrificate come i
mHEV, fino ai veicoli totalmente elettrici basati sulla nostra nuova
piattaforma elettrica MEB”.

Il futuro

La Volkswagen aprirà una nuova fase della sua elettrificazione con il nuovo sistema mild hybrid a 48 V associato al motore a benzina 1.5 TSI evo. Qui, un sistema a 48 V affiancherà l’impianto elettrico convenzionale a 12 V.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *