Unatras
Unatras

Unatras, l’Unione delle associazioni delle imprese di autotrasporto, in una nota diffusa da Conftrasporto (tra le associazioni che ne fanno parte) fa il punto sulle strade e autostrade della Liguria. “La situazione della viabilità è ormai insostenibile. ll prezzo di un sistema al collasso ricade sulle spalle degli autotrasportatori”.

La nota di Unatras

“Il settore dell’autotrasporto sta pagando un caos normativo inaccettabile generato da scelte senza senso del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Impongono solo alla Liguria e al concessionario autostradale che gestisce il maggior numero di gallerie nella Regione di concentrare un numero elevatissimo cantieri in pochi giorni”. Così si legge.

Autotrasportatori

“Gli operatori del trasporto denunciano una situazione non più sostenibile sulle autostrade della Liguria. In poche settimane si sono moltiplicati i cantieri. Si tratta di un caso unico di applicazione senza criterio di una normativa obsoleta ed evidentemente inadeguata. Sta generando conseguenze profonde su un comparto che rappresenta un pilastro per l’economia nazionale. La situazione rappresenta un paradosso ingiustificabile e va risolta con gli strumenti normativi adeguati che il MIT decida di adottare per fare chiarezza, dettando modalità e tempistiche sostenibili per eseguire i doverosi controlli alle infrastrutture ma senza pregiudicare l’operato di chi, come gli operatori del settore del trasporto su gomma, percorre quotidianamente le stradali e autostradali per prestare un servizio essenziale alla collettività, mai arrestato nemmeno durante il lockdown”.

La situazione ligure

“E’ impossibile pensare di adottare, come sta avvenendo nel nodo ligure, soluzioni e interventi mai compiuti prima in poche settimane, le stesse in cui il traffico ha ripreso a crescere. Il settore dell’autotrasporto invoca quindi un intervento risolutivo del Ministero competente che possa mettere fine a una situazione divenuta inaccettabile, garantendo la sicurezza delle opere ma anche della circolazione e liberando le arterie per consentire che il Paese continui a muoversi”.

Conclusioni

“Questo vale non solo per la Liguria, ma anche per altre regioni. La A14, ad esempio, in questi giorni si è trasformata in un calvario. I tempi di percorrenza sono biblici. Il danno economico e d’immagine è pesantissimi, sia per quanto riguarda il traffico merci che sul piano turistico. In un momento che dovrebbe essere di ripresa, l’impegno per la promozione turistica delle località che insistono lungo la A14 è di giorno in giorno vanificato da una situazione che ha dell’incredibile. Ci stiamo facendo male da soli”.