Tirolo
Tirolo

L’incontro con i sapori e la gastronomia del Tirolo austriaco avviene in tanti modi, tutti semplici e naturali, proprio come la sua essenza. Ogni momento della giornata si riempie di sapore e gusto. Durante un’escursione in montagna o un evento cittadino, passeggiando per un mercato o un giardino botanico, visitando un caseificio o un produttore di speck, oppure in baita mentre ci si rilassa dopo l’attività sportiva. L’amore per la terra è il motore alla base della tradizione gastronomica tirolese, dall’allevamento all’agricoltura. E a tavola, fin dal primo assaggio, i commensali vivono un viaggio nella natura, ricco di gusto e di piacere, ma anche di scoperta e convivialità.

Le erbe del Tirolo

La maggior parte delle persone, trovandosi dinanzi a un prato fiorito, non si rende conto del potenziale che vi si nasconde dietro. La natura mette a disposizione una così grande varietà di erbe e fiori, dalle proprietà benefiche e dagli aromi freschi ed intensi, da dispiegare in mille modi, sia in cucina che come essenze nella cura del corpo. Saperle riconoscere e trasformare non è altrettanto naturale. L’ideale è affidarsi all’esperienza di raccoglitori esperti ed erboristi, ad esempio, percorrendo con loro un sentiero escursionistico delle erbe o partecipando a un workshop di cucina naturale o di piante medicinali. Vediamone alcune di seguito.

Sandra Schönherr

In Tirolo, nella Valle dello Stubai, Sandra Schönherr, proprietaria della malga Auffangalm, è un’erborista diplomata che sa tutto sulle piante benefiche della zona. Le coltiva nel suo orto e le utilizza per i suoi piatti prelibati. Il laboratorio e il giardino erboristico di Sandra Schönherr sono aperti ai visitatori. A seguire, si preparano oli benefici, miele e aceto aromatico secondo i suoi suggerimenti. Dal centro di Milders, lungo un facile sentiero che attraversa un prato di erbe aromatiche si arriva alla malga Auffangalm in circa due ore.

Orto di Ildegarda

A Reith in Alpbachtal una semplice passeggiata nell’Orto di lldegarda di Bingen è sufficiente a far rilassare e distendere l’animo. Con spirito d’iniziativa e impegno, nel 2011, un gruppo di donne di Reith ha iniziato la coltivazione di questo paradiso botanico grande 900 metri quadrati, secondo i dettami della monaca tedesca Ildegarda di Bingen. Nel silenzioso orto di Ildegarda, piccoli cartelli in legno illustrano gli effetti delle diverse piante. La mela cotogna fa bene contro il bruciore di stomaco, la piantaggine allevia il prurito delle punture d’insetto, la melissa distende lo stomaco. Le piante sono catalogate in base ai loro benefici così i visitatori sanno immediatamente quale erba è più adatta a curare le varie parti del corpo: respirazione, articolazioni, stato d’animo, pelle, cuore e fegato. Il giardino è aperto al pubblico e ogni mercoledì si organizzano visite guidate.