Artimino

Dicembre è il mese per fare il bilancio dell’anno passato e pianificare i progetti per quello futuro. Tenuta di Artimino è uno scrigno di tesori di rara bellezza nel cuore della Toscana, circondata da vigneti e uliveti, in cui lasciarsi trasportare dalle emozioni di una vacanza dalle mille sfaccettature e possibilità. Siete pronti a conoscerla più da vicino?

Artimino, benessere e relax

Tenuta di Artimino, resort a ospitalità diffusa a 20 chilometri da Firenze, è un luogo del cuore in cui poter vivere un soggiorno a contatto con la natura e in cui riscoprire sé stessi. Uno charme che esprime benessere a partire dallo sguardo che resta ammaliato e dall’olfatto che può godere di un respiro d’aria pura. Tutt’intorno la pace assoluta rotta solo dalla musica della natura. Ma non c’è vero relax senza che ci si lasci coccolare da mani sapienti all’interno di una vera e propria oasi di benessere: la Tenuta di Artimino Spa&Wellness. Presso Tenuta di Artimino Spa&Wellness il tempo si ferma, la magia ha il sopravvento e ci si può abbandonare al piacere intenso, dove rigenerare corpo e mente lontani dalla quotidianità̀ e dai pensieri negativi. Lungo le mura del borgo, infatti, come una perla nella conchiglia, è incastonata questa oasi wellness.

Cultura

Tenuta di Artimino affonda le sue radici in un passato affascinante, il cui gusto si assapora ancora oggi passeggiando nella magia di questi luoghi. In origine insediamento etrusco, poi borgo medioevale e successivamente amata dimora di caccia della Famigli Medici, dal 1989 la Tenuta appartiene alla famiglia Olmo. Il suo cuore nevralgico è la Villa Medicea La Ferdinanda, che rientra a pieno titolo nel Patrimonio Mondiale tutelato dall’Unesco. Aperta sui colli e sui vigneti del Montalbano, in posizione dominante sul poggio, La Ferdinanda è un gioiello dove il tempo sembra essersi cristallizzato, un palcoscenico spettacolare ricco di fascino e suggestione. La Villa fu costruita nel 1596 per volere del Granduca Ferdinando I de’ Medici, su disegno di Bernando Buontalenti. La Ferdinanda è detta anche Villa dei Cento Camini, per via dei numerosi camini che sporgono dalla sommità dell’edificio e che la rendono unica.

Enogastronomia

Tenuta di Artimino, grazie alla sua prestigiosa produzione vitivinicola, si connota come una vera e propria Wine Destinationcapace di appagare tutti i luoghi dell’anima. La voglia di benessere, la soddisfazione del palato, l’esigenza di recuperare il rapporto con la natura, la sete di cultura e conoscenza. La Tenuta nei suoi 80 ettari di vigneti produce la sua linea di vini “Artimino 1596” (che prende il nome dall’anno in cui iniziarono i lavori di costruzione della Villa Medicea La Ferdinanda), tra cui il “Carmignano Docg”, una delle produzioni più̀ antiche d’Italia e il “Chianti Docg”, la quintessenza della Toscana. Questo bouquet di proposte accompagna una cucina che si fonda sulla valorizzazione delle eccellenze del territorio e dei prodotti della terra, coltivati nell’orto di proprietà, con attenzione, cura e nel pieno rispetto della natura.

Famiglia

Nella proprietà di 732 ettari, oltre alla splendida Villa Medicea, sorge anche la Paggeria Medicea. E’ un incantevole hotel di charme 4 stelle situato all’interno di un edificio dei primi del XVII secolo. L’hotel dispone di 37 camere, divise nelle categorie Executive, Superior e Classic, ognuna delle quali si ispira ai colori della produzione vinicola di casa. Ma ogni esperienza deve essere unica, perché ogni ospite è speciale. Per questo Tenuta di Artimino declina l’ospitalità assecondando i desideri più profondi dei suoi ospiti. Per chi vuole coniugare charme, relax e tranquillità e spazi più ampi, la tenuta dispone anche di numerosi appartamenti all’interno dell’antico Borgo di Artimino. La Tenuta dispone anche di una piscina esterna e di un campo da tennis che durante la bella stagione sono la gioia di grandi e piccini.

Bike

La vocazione al mondo bike fa parte della storia della Tenuta. Infatti il noto ciclista degli anni ’30 Giuseppe Olmo si innamorò di questa terra e delle sue bellezze e decise di acquistare Tenuta di Artimino nel 1989 per trasformarla in un’oasi dedicata al “bien vivre”. Il legame tra Olmo e bike affonda infatti le radici nelle imprese sportive di Giuseppe Olmo, detto Gepìn, protagonista tra il 1932 e il 1938 di prestazioni che hanno reso grande il ciclismo italiano. Nel 1939 Giuseppe Olmo fondò anche la Olmo Biciclette dalla cui fabbrica uscirono le biciclette da competizione più performanti e tecnicamente avanzate del periodo, testate direttamente da Gepìn. Ancora oggi la proprietà è della famiglia Olmo, erede dell’omonimo ciclista. A condurre Tenuta di Artimino sono Annabella Pascale e Francesco Spotorno Olmo, nipoti del noto campione.

Un pensiero su “Tenuta di Artimino, i cinque buoni motivi per un soggiorno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *