Cetaěceos-fotografiěa-Francis-Peěrez_low

La costa ovest di Tenerife è stata dichiarata sito Patrimonio per la Conservazione e Salvaguardia delle Balene (Whale Heritage Sites – WHS). È la prima area marina in Europa a ottenere questo riconoscimento e ad essere insignita della certificazione Responsible Watching dal World Cetacean Alliance. Per l’Arcipelago delle Canarie si tratta di un’ulteriore conferma delle straordinarie risorse naturali delle isole. Nonché delle iniziative che qui sono messe in atto per incoraggiare il rispetto della biodiversità di delfini e balene e la loro osservazione responsabile.

mgr564

Tra Tenerife e La Gomera è il tempio delle balene

Il braccio di mare compreso tra Tenerife e La Gomera è il tempio di queste specie marine. Una colonia di oltre 500 balene pilota (“calderone tropicale”, il delfino più grande che esista) vive stabilmente lungo la costa che va da Faro di Rasca a Punta de Teno, un tratto di mare lungo 22 chilometri. Nell’arco dell’anno, in queste zone transitano 26 delle oltre 79 specie di cetacei conosciute, compresi delfini, orche e balenottere azzurre. Questa moltitudine di cetacei e l’eccezionale biodiversità dell’ambiente si trovano a soli venti minuti di navigazione da Tenerife e, complice il clima mite dell’arcipelago, si ammirano in tutte le stagioni. Questa striscia marina ospita 1.500 specie, comprese dieci autoctone, tra cui il delfino dal naso a bottiglia e la tartaruga caretta caretta. In un solo giorno si possono osservare anche nove diverse specie tra balene e delfini.

Cetaceos fotografia Francis Perez 12

L’avvistamento dei cetacei avviene all’interno di un’area di 500 metri

A Tenerife l’osservazione dei cetacei è regolamentata a livello legislativo da vent’anni e le imbarcazioni che effettuano servizio di whale watching devono avere un permesso rilasciato dal Ministero dell’Ambiente del Governo delle Isole Canarie. La normativa impone turni di avvistamento all’interno di un’area di 500 metri in cui possono navigare contemporaneamente solo tre barche che devono mantenere una distanza minima di 60 metri dalle balene.

“I turisti sono sempre più responsabili. Ma è comunque necessario informarli puntualmente sulle regole che sussistono e far capire loro l’alto livello di salvaguardia nelle Canarie”. Le parole di Mercedes Reyes, biologa e co-presidente dell’Associazione degli imprenditori per l’avvistamento e la conservazione dei cetacei di Tenerife (ACEST). “Non conosco nessuno – prosegue Reyes – che torni dall’osservazione dei cetacei senza un grande sorriso e con un cuore pieno di felicità. Quando andiamo per mare dobbiamo esser consapevoli che stiamo entrando nel loro mondo, nel loro habitat: ecco perché l’unico modo per farlo è rispettare questi meravigliosi mammiferi”.

Cetaceos fotografia Francis Perez 18

Tenerife e le infinite attrazioni

L’osservazione sostenibile dei cetacei si unisce alle infinite attrazioni naturalistiche che l’isola di Tenerife offre. Sono ben 60 le barche autorizzate a uscire per osservare questi straordinari mammiferi. È un privilegio poter partecipare a queste escursioni, perché in mare in qualsiasi giorno si possono incontrare balene e delfini, ed è sempre un’esperienza mozzafiato. Tenerife ha due siti patrimonio mondiale dell’Unesco: il Parco Nazionale del Teide e il centro storico di La Laguna. Inoltre, ci sono più di una dozzina di parchi nazionali e naturali protetti, e in tutta l’isola si estende una rete di sentieri, per un totale di 60 chilometri di passeggiate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *