SwappyVerse
SwappyVerse

Se vuoi scambiare oggetti, SwappyVerse è quel che fa per te. Si tratta di una startup italiana che è già l’app numero uno.

La storia di SwappyVerse

SwappyVerse è nata dall’idea di tre soci fondatori: Thomas Baggio (CEO e ideatore dell’app), Pietro Ferro (co-fondatore, Marketing e business development) e Gianluca Innocente (co-fondatore, CTO). L’obiettivo era ed è quello di stimolare gli utenti al riuso degli oggetti riducendone l’impatto ambientale per un’economia circolare e più sostenibile.

Info utili

SwappyVerse è un’applicazione per smartphone con sistema operativo iOS e Android. Permette alle persone di scambiare, barattare gli oggetti in modo gratuito e semplice senza usare il denaro. È stata creata per ridare una nuova vita agli oggetti che non usiamo e restano nelle soffitte. Per scambiarli con altri che ci servono o che desideriamo. Ridando una seconda vita agli oggetti aiutiamo il nostro pianeta ad essere meno inquinato con meno prodotti che finiscono troppo presto in di-scarica. Puoi scambiare per esempio un televisore per un computer o trovare oggetti all’ultima moda scambiandoli senza spendere soldi.

Dichiarazioni

”Abbiamo analizzato il mercato del second-hand. Abbiamo ricevuto, grazie ai sondaggi condotti, delle risposte entusiasmanti sulla necessità delle persone di poter ottenere degli oggetti in sostituzione di altri senza dover ricorrere al denaro. Le priorità segnalateci per il progetto sono state: utilità, attenzione verso l’ambiente e una scelta sostenibile, risparmio, desiderio di poter avere ciò che altrimenti non si sarebbe potuto acquistare. Non dimentichiamoci, solo per citare alcuni dati, che per quanto riguarda l’impatto ambientale la sola moda a livello planetario incide per il 70% sulle emissioni di Co2 e che oggi si tende a cambiare un cellulare con una frequenza media che è di soli 2 anni”.