Skoda

Skoda scende in campo per proteggere i dipendenti dal Covid-19. Dall’inizio della pandemia, sono stati investiti più di 38 milioni di euro in misure preventive. Inoltre, durante la prima ondata della pandemia, la Casa boema e KOVO hanno avviato le campagne “Produzione Sicura” e “Ufficio Sicuro” implementando misure quali la distribuzione di respiratori e dispositivi FFP2 e la possibilità di sottoporsi regolarmente al test antigenico. L’azienda ha già allestito i propri centri per la vaccinazione della forza lavoro contro il virus.

Skoda e il Covid-19

Da ottobre 2020 Skoda offre a tutti i dipendenti la possibilità di sottoporsi regolarmente al test Covid-19, coprendo la maggior parte dei costi. Sono già stati eseguiti decine di migliaia di test PCR e antigenico e attualmente la Casa automobilistica sta lavorando per testare regolarmente tutti i propri dipendenti, in linea con le normative del governo locale.

Dichiarazioni

“Siamo pronti a vaccinare i dipendenti contro il COVID-19 nei centri di vaccinazione che abbiamo allestito nelle nostre sedi in Repubblica Ceca. Non appena il vaccino sarà disponibile, inizieremo a farlo in modo rapido, flessibile e gratuito per tutti i dipendenti. Vorrei ringraziare Jaroslav Povšík (rappresentante dei lavoratori nel consiglio di sorveglianza Skoda) per la costruttiva e stretta collaborazione. Grazie alle misure di prevenzione messe in atto, solo
un’infezione da COVID-19 su dieci tra i nostri dipendenti è stata ricondotta all’ambiente di lavoro. Questo dimostra che attualmente ŠKODA AUTO è un luogo più sicuro dell’area circostante”. Lo ha spiegato Thomas Schäfer, CEO di Skoda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *