Seat

Il marchio Seat viaggia a gonfie vele. Nello scorso mese di febbraio, ha confermato un avvio 2018 scintillante, con 39.900 unità consegnate: il 25,9% in più rispetto a dodici mesi fa. Per un totale di 78.800 unità vendute (+23,1%).

Seat: +22,6% in Italia

La Seat mantiene un tasso di crescita molto elevato nei suoi principali mercati. A gennaio e febbraio, la Spagna ha guidato le consegne con 17.100 vetture vendute (+ 18,1%). Seguita dalla Germania, che ha registrato un aumento del 15,0% con 13.700 unità . E mercati come Svizzera (2.100, + 27,8%), Francia (4.300; + 26,8%), Austria (3.500; + 18,5%), Regno Unito (6.500; + 17,2%) e Italia, che hanno ottenuto risultati eccezionali.
Nel nostro Paese, in particolare, a febbraio sono state registrate 2.158 unità, con un totale di 3.861 unità immatricolate dall’inizio dell’anno (rispetto alle 3.149 dello stesso periodo dell’anno scorso). Questi risultati si traducono in una crescita del 22,6%.

Seat: Ibiza versione metano

Al Salone di Ginevra esordisce un modello sostenibile: la Ibiza 1.0 TGI 90 CV FR. Che riafferma l’impegno del marchio nei confronti del metano (CNG) come combustibile alternativo, pulito ed efficiente. Seat vanta un’offerta di vetture a metano tra le più complete sul mercato, spaziando dalle citycar alle compatte. Tra pochi mesi, coprirà anche il segmento dei suv, col lancio imminente della Arona TGI. La Arona, recentemente lanciata, introdurrà la motorizzazione a metano nella propria gamma, diventando così il primo suv al mondo equipaggiato con motore CNG. Rendendo Seat il brand con la più ampia gamma di auto a metano all’interno del Gruppo Volkswagen. Le auto a metano costituiscono alternative meno inquinanti, in quanto emettono l’85% di ossido d’azoto in meno rispetto ai motori diesel e il 25% in meno di CO2 rispetto alle unità a benzina, oltre a eliminare quasi tutto il particolato sospeso.

Seat: apre le porte a Shazam

Svelate a Ginevra grandi novità relative alla digitalizzazione dell’auto. La più rilevante, senza dubbio, l’integrazione di Shazam, noto servizio di riconoscimento musicale che, a partire da aprile, si avvarrà della Seat DriveApp per AndroidAuto. L’ennesimo passo in avanti per offrire ai clienti un’esperienza all’insegna di connettività e sicurezza.

Di Luca Talotta

Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *