Medical fitness - Palestra Take Care
Medical fitness - Palestra Take Care

Una società al servizio del settore sanitario, con una costola dedicata esclusivamente alla formazione. Questo, ma non solo, è Take Care, azienda nata dalla testa di Paolo Parente, oggi CEO della stessa, che ha tra gli obiettivi per il futuro quello di far stare bene la gente senza spendere cifre folli. Anche se si parla di strutture sanitarie private. Uno dei prodotti innovativi della Take Care più interessante è sicuramente il Medical Fitness, un percorso personalizzato di attività fisica dedicato ad adulti e bambini che consente di prevenire e curare patologie cardiovascolari, metaboliche, nutrizionali, ortopediche e fisiatriche, insieme a un controllo medico continuativo: “La sfida sta nell’offrire a tutte queste persone un ambiente sicuro in cui un personal trainer, in collaborazione con i medici specialisti del centro, studia l’attività fisica personalizzata sulla base delle reali necessità e possibilitàci spiega Paolo Parente in un’intervista esclusiva a Time Magazinei confronti periodici tra personal trainer e medici specialisti consentono inoltre di modificare sia i carichi di lavoro in termini di attività fisica, sia l’apporto farmacologico”.

I vantaggi di una struttura del genere sono molteplici: “Nonostante la Take Care sia totalmente privata – prosegue Parentepratica dei prezzi contenuti, quasi ambulatoriali: un’ecografia, ad esempio, costa 60 euro, contro i 33-39 della mutua. Ma la qualità dei dottori e i tempi di attesa, molto brevi, sono due dati oggettivi e insindacabili”. Un altro grande vantaggio di una struttura del genere è l’approccio multidisciplinare: “Da noi la persona viene valutata nella sua totalità – prosegue Parente – avrà a disposizione un fisiatra ma anche altri specialisti. Perché una persona dovrebbe scegliere Take Care e non altre realtà? Per la qualità dei servizi, la tecnologia che in pochi anno, il fatto che il paziente non viene mai lasciato da solo e che il nostro obiettivo è creare il benessere proprio del paziente”.

L’idea nacque a Paolo Parente a marzo 2004, quando lo stesso decise di dare un servizio sanitario in strutture fitness facendo check up a chi andava in palestra. Da lì un’escalation senza mai fermarsi e i dati di oggi lo dimostrano ampiamente: il Poliambulatorio, che si trova in zona Milano Bicocca, ospita 14 ambulatori destinati a visite mediche specialistiche, una palestra provvista di macchinari ad altissima tecnologia dedicati alla riabilitazione e alla fisioterapia, una clinica di osteopatia e un nuovo reparto di odontoiatria per la cura della bocca: “L’obiettivo è offrire un servizio trasversale con un’elevata qualità professionale – ci dice Alessio Scopa, direttore generaleil Poliambulatorio Milano Take Care è strutturato in 4 aree che lavorano in stretta collaborazione a vantaggio della salute della persona. Visite specialistiche di Angiologia, Cardiologia, Dermatologia, Diabetologia, Dietistica, Servizio Ecografico, Endocrinologia, Fisiatria, Logopedia, Neurologia, Oculistica, Optometrista, Ortopedia, Podologia, Psicologia e Urologia; clinica di osteopatia con specializzazione nei settori correlati a fisiatria/ortopedia, odontoiatria, posturologia, pediatria, ginecologia e sport; uno studio odontoiatrico e la parte di fisioterapia e riabilitazione in cui è inserito il progetto del Medical Fitness”.

L’ultimo progetto nato in ambito Take Care è quello denominato Bicocca in Salute. L’obiettivo è offrire una risposta concreta al panorama sanitario attuale con l’obiettivo di rendere la sanità accessibile a tutti. In tale contesto, il Poliambulatorio si propone di sostenere un approccio preventivo che consenta di intervenire precocemente e risparmiare ingenti somme economiche: “Abbiamo deciso di lanciare questo progetto per andare a fondo e stare vicino ad una precisa zona geografica, per diventare il punto di riferimento nell’area Bicocca allargata – sono le parole di Laura Bonacina, Marketing & Communication Managernon esiste una struttura come la nostra e il fatto che l’attività cresca mediamente del 30% ogni anno è un dato concreto, che va in controtendenza rispetto al momento”.

Infine, l’istituto di osteopatia TCIO (Take Care Istituto Osteopatico), accreditato con il R.O.I. (Registro Osteopati Italiani), che vanta oggi più di 300 studenti iscritti: “L’idea della scuola è nata nel 2006 e quest’anno avremo i primi studenti di osteopatia che concluderanno il loro percorso di studio – conclude Paolo Parente – per l’occasione, abbiamo deciso di creare un progetto di ricerca per valutare perché un paziente si rivolge all’osteopata. Faremo un’analisi su 1.000 persone, alla quale parteciperanno gli studenti, e poi una pubblicazione ufficiale”.

2 COMMENTS