Foto Pixabay
Foto Pixabay

Al giorno d’oggi, muoversi in automobile soprattutto all’interno delle grandi città non è sicuramente nè piacevole nè economico, il traffico intenso, la carenza del servizio pubblico la quasi totale assenza di piste ciclabili ci obbliga ad un uso quotidiano dell’automobile che non solo incide negativamente sulla nostra qualità della vita e sull’ambiente, ma anche sulle nostre tasche. Possedere un’auto, oltre ai costi di acquisto, impone delle spese che possono incidere pesantemente sul bilancio familiare o aziendale. Per prima cosa quando si acquista un’auto non ci si deve far abbagliare da tutti quei fattori secondari come optional tecnologici, status, moda …ma bisogna concretamente scegliere il tipo di vettura adatta alle esigenze del guidatore. 

La scelta oculata della vettura da acquistare dipende in primo luogo dall’utilizzo che si fa dell’auto e dalle prestazioni che ci si aspetta da questa. Se viviamo in un luogo di montagna, con sentieri e strade poco battute, sicuramente una piccola utilitaria non è quello che fa al caso nostro, allo stesso tempo, se viviamo in una città caotica dove parcheggiare è impossibile, sicuramente un suv o un fuoristrada di grandi dimensioni non saranno una scelta ottimale. Quando scegliamo una vettura per prima cosa dobbiamo valutare tutta una serie di costi che incideranno sulla nostra economia familiare o aziendale per diversi anni. La scelta della tipologia della vettura deve essere fatta in maniera ponderata, una volta individuato il modello e la grandezza dobbiamo quantificare l’assicurazione, il bollo e verificare se vi sono degli incentivi statali. Un altro aspetto che bisogna considerare è la manutenzione dell’auto, è consigliato effettuare i tagliandi consigliati dalla casa madre o comunque dei controlli periodici per sincerarsi che tutti i componenti funzionino correttamente, anche gli pneumatici devono essere costantemente controllati per  garantire la sicurezza e aderenza ottimale che incidono anche sui consumi del carburante. 

La scelta del carburante più economico

La scelta del carburante influisce e non poco sui costi di gestione di un’automobile soprattutto se viene usata ogni giorno o per molti chilometri l’anno.

La benzina verde o senza piombo è il tipo di carburante più diffusa ma anche più costosa. A causa dei maggiori processi di raffinazione a cui è sottoposta. Il diesel, o gasolio,  è più economica della benzina, ma proprio per questa ragione le auto diesel sono più costose. E purtroppo sono anche molto inquinanti, infatti,  per limitare le emissioni,  viene installato un filtro anti particolato. Il vantaggio di un’auto diesel si misura a lungo termine soprattutto se si usa il veicolo per molti chilometri. I veicoli a GPL o metano sono quelle che permettono di risparmiare sul prezzo del carburante. Tuttavia il prezzo dell’installazione dell’impianto è molto costoso e il serbatoio è piuttosto ingombrante. E’ quindi fondamentale, per risparmiare sulla benzina, valutare i pro e i contro di ogni tipo di carburante prima di scegliere la nostra autovettura.

App e carte carburante per fare il pieno di vantaggi

Vi sono molteplici prodotti sul mercato che permettono all’automobilista di risparmiare ulteriormente sui costi del carburante. Con l’introduzione della fatturazione elettronica per aziende e possessori di partita iva,  anche gli acquisti di carburante devono essere effettuati tramite mezzi di pagamento tracciabili. Il mercato offre oggi una serie di carte apposite che permettono di ottenere sconti, accumulare punti e ottenere anche premi. Le carte carburante  le prepagate permettono inoltre di tenere sotto controllo i costi del carburante grazie alla rendicontazione on line. Possono essere mono marca o plurimarca e spesso, collegate ad apposite app permettono di trovare anche i distributori più economici sul territorio. Alcune di esse permettono anche l’accesso alle cosiddette pompe bianche, ovvero distributori indipendenti che garantiscono prezzi decisamente competitivi. Questi piccoli accorgimenti garantiscono un discreto risparmio sul medio e lungo termine.