Correggere la miopia definitivamente, la sfida per le nuove generazioni

Intervista a Lucio Buratto, oculista di fama internazionale e direttore scientifico del Centro Ambrosiano Oftalmico di Milano, CAMO.

Correggere la miopia definitivamente, la sfida per le nuove generazioni

Intervista a Lucio Buratto, oculista di fama internazionale e direttore scientifico del Centro Ambrosiano Oftalmico di Milano, CAMO.

Come affrontare la crescita inarrestabile del difetto visivo che interesserà oltre 4 miliardi di persone tra un quarto di secolo, soprattutto bambini e giovani adulti? Occhiali, laser e la sempre più diffusa tecnologia delle lenti ICL sono gli strumenti a disposizione degli oculisti.

“La miopia è un difetto visivo che sta rapidamente diventando maggioritario nella popolazione, soprattutto in quella giovanile. La progressione è impressionante – spiega Lucio Buratto, oculista di fama internazionale e direttore scientifico del Centro Ambrosiano Oftalmico di Milano, CAMO – : Negli Stati Uniti nel 1971 il 25 per cento della popolazione era miope; nel 2017 era il 42 per cento. Secondo i dati pubblicati sulla rivista scientifica Ophthalmology* in una corposa analisi di 145 studi che hanno coinvolto oltre 2 milioni di partecipanti, tra poco più di 25 anni la percentuale della popolazione mondiale affetta da miopia supererà il 50%: oltre 4 miliardi di persone”.

Non si sa con certezza il perché di questo rapido incremento, anche se il consenso scientifico si sta indirizzando nel considerare l’uso degli schermi e la vita al chiuso come le principali cause ambientali del fenomeno. “Possiamo, però, - spiega Buratto – concentrarci sulle soluzioni, che ci permettono di correggere il difetto visivo della miopia (ma anche dell’astigmatismo e dell’ipermetropia)”.

Quali sono i rimedi per la miopia attualmente disponibili? "Per prima cosa nominerei la prevenzione attraverso gli stili di vita, sicuramente benefica per bambini e adolescenti: uscire all’aperto almeno una volta al giorno e far riposare l’occhio frequentemente, durante la giornata lavorativa/scolastica, quando si guardano schermi digitali per tempi prolungati. Tra gli strumenti a nostra disposizione per correggere la miopia, invece, oltre a lenti e occhiali, ci sono due trattamenti di comprovata efficacia: il laser, che offre ottimi risultati; e le lenti ICL che si stanno affermando sempre più come uno strumento alternativo per correggere i difetti visivi".

"L’impianto di lenti ICL corrisponde ad una tecnica medico chirurgica standardizzata con oltre 25 anni di esperienza, la cui efficacia e sicurezza è dimostrata da centinaia di studi clinici nel mondo ed è stata già eseguita su oltre un milione di persone in tutto il mondo (ovvero 2milioni di lenti). Le ICL sono lenti intraoculari che vengono posizionate tra il cristallino e l’iride e sono realizzate in un materiale morbido, sottile, pieghevole e altamente biocompatibile chiamato collamero. L’intervento non modifica l’anatomia dell’occhio ed è reversibile".

"I benefici della lente intraoculare risiedono nel fatto che questa è in grado di correggere efficacemente e definitivamente sia miopie leggere sia miopie forti, con astigmatismo o senza astigmatismo. Riduce, inoltre, il rischio di sindrome da ‘occhio secco’ che invece può essere presente nella chirurgia laser. La lente resta inalterata nel tempo e non c’è regressione. Rappresenta quindi un’ottima soluzione".

"La prima reazione è la sorpresa perché il miglioramento della vista è eccezionale. Il paziente vede subito e fin dal primo giorno in maniera estremamente nitida; l’intervento, benché richieda perizia da parte del chirurgo, dura pochi minuti in anestesia locale e i tempi di recupero sono molto brevi. Oltre il 99,4 per cento dei pazienti è soddisfatto dell’intervento e lo rifarebbe.

"È una decisione del medico oculista ma si può dire che esista una porzione di pazienti miopi per i quali il laser non è indicato e per le quali le lenti ICL sono la scelta ‘obbligata’ in caso si voglia correggere la miopia liberandosi di lenti e occhiali. Se, poi, guardiamo alla popolazione generale di miopi, le ICL rappresentano una soluzione molto efficace e sicura per tutti quei pazienti che abbiano acquisito una stabilità del difetto visivo - quindi all’inizio dell’età adulta e prima della cataratta - e io ritengo senza ombra di dubbi che il loro utilizzo sarà sempre più diffuso, rispondendo alla crescita della miopia nelle nuove generazioni man mano che queste raggiungono l’età adulta".