“Apprendiamo con grande preoccupazione di questi ritardi. L’industria del ciclo chiede da anni un passaggio concreto da quella che è stata una logica di incentivi all’acquisto a una, più compiuta, di incentivi dell’utilizzo, che non può svanire di fronte a inefficienze e frammentarietà. Sviluppare un’infrastrutturazione ciclabile sicura e attraente è determinante per il nostro settore, lo è per la mobilità urbana e lo è per il cicloturismo, un ambito in cui il nostro Paese dimostra una grande vocazione ancora inespressa, che può offrire significative opportunità di crescita e di benessere per i territori coinvolti”.

È quanto ha dichiarato oggi Mariano Roman, Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori), commentando i contenuti della relazione della Corte dei Conti sullo stato di avanzamento delle 10 ciclovie nazionali (tra cui la quella del Sole Firenze-Verona, la Venezia-Torino, quella dell'Acquedotto Pugliese e il Grande raccordo anulare delle biciclette a Roma) e per la realizzazione di altrettanti itinerari archeologico-culturali a bassa velocità, con la titolarità dei Ministeri delle infrastrutture e trasporti, della cultura e del turismo.

“Anche alla luce della contrazione che il mercato interno ha registrato nell’ultimo anno - ha rimarcato Roman – è indispensabile non perdere questa importante occasione di sviluppo”.