Pizza e diabete, un connubio che per molti diventa difficile far rimanere unito. Lo è in particolare (difficoltoso) per i numerosi giovani affetti da diabete, i quali devono limitare l’alto contenuto di carboidrati contenuto in questo alimento per evitare il successivo picco glicemico.

Kamut protagonista indiscusso per la pizza napoletana

Ed è qui che entra in scena il Kamut protagonista indiscusso e alleato di chi soffre di diabete. Studi e nuove ricerche hanno, infatti, identificato il Kamut come ottimo ingrediente per la realizzazione della base della pizza napoletana a basso indice glicemico. Un sollievo non indifferente per chi vuole unire pizza e diabete.

Pizza e diabete: gli studi

Pizza e diabete: secondo due nuovi studi pubblicati dall’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, la preparazione della pizza o ‘cibo della felicità’ con grano Kamut, in alternativa alle farine più raffinate tradizionalmente usate per l’impasto, si rivela un ottimo ingrediente per un impasto leggero e gustoso adatto anche ai diabetici di tipo 1 grazie al basso indice glicemico che lo caratterizza.

Carboidrati indispensabili, con il Kamut si può

“I carboidrati, visti con preoccupazione dai diabetici, sono riconosciuti come componenti indispensabili per una dieta sana e bilanciata. Con benefici per la salute che dipendono dalla qualità della fonte dei carboidrati”, spiega la dr.ssa Simonetti, biologa e Scientific Director di Kamut Enterprises of Europe.

La biologa Simonetti: “L’impatto del Kamut sui diabetici è positivo”

La dimostrazione che il Kamut è l’ideale per ‘unire pizza e diabete’ “arriva dai risultati di uno studio condotto su pazienti con diabete di tipo 2 in cui sono state testate due differenti fonti di carboidrati: prodotti fatti con grano Kamut e prodotti fatti con grano moderno”, prosegue la dottoressa Simonetti, che aggiunge: “Nonostante la stretta terapia medica seguita dai partecipanti, si è registrato un impatto positivo dei prodotti a base di grano Kamut sul colesterolo “cattivo” LDL (-3,4%), sull’insulina (-16.3%), sulla glicemia (-9,1%) e sulla resistenza all’insulina (-24,3%)”.

Il Kamut mantiene sotto controllo l’insulina

I risultati positivi emersi da questi due nuovi studi si aggiungono a quelli derivati da una nostra ricerca. Che ha coinvolto 30 soggetti sani che per un periodo di 16 settimane. I quali hanno seguito una dieta a base di grano Kamut integrale o a base di grano moderno integrale. Al termine dello studio, abbiamo verificato come solo i soggetti che avevano consumato prodotti a base di grano Kamut presentavano una riduzione significativa dei livelli di insulina nel sangue e della massa grassa, rispetto agli altri”, conclude la Simonetti. Pertanto è possibile affermare che il grano Kamut si distingue sia per caratteristiche nutrizionali positive per i soggetti affetti da diabete, sia per il suo potenziale ruolo protettivo nei riguardi dello sviluppo del diabete mellito di tipo 2 in soggetti sani. Insomma, con il Kamut, pizza e diabete si può.