Un pic nic, ricette gustose e originali; l’avventura, l’allegria e, ovviamente, Estathé. L’iniziativa è di quelle che, sicuramente, non passeranno inosservate: Pic Nic all’Italiana. Un contest aperto a cuochi e a tutti coloro che si sentono dei veri maestri del pic nic all’italiana. Perché, inutile dirlo, anche in questo contesto noi italiani sappiamo essere unici.

Buzzoole

Già, perché ogni regione ha sue specificità alimentari e, ovviamente, lo interpreta in modo diverso. Estathé e il pic nic, un connubio che, oltre che sui prati di tutta Italia, si è sviluppato anche sulla Rete. Già, perché il contest ha già i suoi vincitori, tutti con delle rispettive ricette tanto diverse tra loro quanto gustose.

Nella prima fase di recruiting di questa iniziativa, sono stati realizzati dei casting che, dopo varie selezioni, hanno visto quattro vincitori: Michele Conenna di Ostuni ha presentato la sua ricetta “Fave e Cicorie”, mentre Raffaella De Sena di Pontedera, in Toscana, ha rilanciato la sua “Panzanella”. Da Mirandola proviene invece Giordano Bonomi, il quale ha sbaragliato la concorrenza con la sua ricetta “Hamburger Padano” che però lui preferisce chiamare, per ragioni politiche “Hamburger Rivisitato”. Infine Bruna Moretti da Revello e la sua “Acciughe al rosso”.

Il contest (CLICCATE QUI PER SCOPRIRE TUTTO) è stato molto apprezzato da tutti coloro che hanno partecipato e ha ottenuto anche una grande risposta da parte del pubblico. Qui potete vedere il video di presentazione dell’iniziativa.

In Italia il pin nic non è concepito come nel resto di Europa ed ogni regione ha il suo modo di interpretarlo, portando “in tavola” piatti con caratteristiche molto diverse tra loro. Ma questo di certo non è un qualcosa che fa crollare lo spirito di aggregazione, di solarità, di allegria di cui Estathé è da sempre il simbolo.

SHARE
Previous articleIl nuovo profumo di Arbre Magique da indossare
Next articleSeat PG: un’azienda, comunicazione globale
Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...