Peugeot 2008 Black Matt

Il nuovo Peugeot SUV 2008, con la serie Black Matt, riporta il Italia un look amatissimo dai clienti e invidiato dalle altre case automobilistiche

Peugeot 2008: dettagli della nuova serie Black MM 6d2e8798 a514 4fb0 b186 cb8e1ed594faatt

La serie Black Matt fà riferimento all’allestimento di gamma Gt Line con PureTech Turbo 110 S&S; PureTech Turbo 130 S&S; BlueHDi 100; BlueHDi 120 S&S.

Come per la serie prima, la verniciatura opaca della vettura è totalmente made in italy e disponibile in vari colori, al tatto risulta satinato e piacevole, oltre a fare risaltare le linee e il carattere forte della vettura, rendendola speciale e unica nell’offerta Peugeot.

Peugeot 2008 Black Matt è disponibile in Grigio Hurricane, Nero Perla, Grigio Artense, Grigio Platinum, Spirit Grey, Emmerald Crystal, Rosso Ultimate e Bianco Madreperla, con queste M 6965fa3b 46d4 4221 905c 9dd649ec4cb1colorazioni risalta ancora di più il dinamismo ma anche l’eleganza della vettura.

Rispetto al modello base della gamma Gt Line, la Black Matt ha la 3D Connected Navigation con Peugeot Connect (con MirrorScreen e Peugeot Connect SOS Assistance), la retrocamera e l’Active City Brake (sistema attivo di frenata anticollisione urbano).

Per soddisfare i clienti più esigenti, Peugeot, ha reso possibile personalizzare al massimo la vettura, con cerchi in lega Herldan Full Black da 17”, tetto panoramico, con il Pack Comfort (una sorta di bracM 4f58422b 82af 4d5c b262 908ed38d1d55cio centrale anteriore, con plafoniera a LED), con il Park Assist, con interni in pelle Claudia e con un sistema di allarme.

Il prezzo della Peugeot 2008 Black Matt è superiore di oltre 2,400 euro (iva inclusa) rispetto alla versione corrispondere della gamma GT Line e sarà disponibile dal mese di maggio 2017.

Invece, il modello base Peugeot 2008 parte da 15,930€ (iva esclusa).

Di Luca Talotta

Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *