partizionare un hard disk

E’ ormai sempre più semplice personalizzare il proprio PC per renderlo adatto alle esigenze di ogni utente. Puoi fare questo ad esempio quando decidiamo di partizionare un hard disk, azione adatta per installare più sistemi operativi. In alternativa, è possibile conservare i dati su un’area del disco indipendente da quella in cui risiede il sistema operativo. E’ l’ideale se si vogliono organizzare al meglio i dati memorizzati.

Partizionare un hard disk: varie opzioni disponibili

Prima di capire come agire per partizionare un hard disk può essere utile sapere quali operazioni possono essere effettuate. A secondo dello scopo da ottenere la partizione può essere infatti di tipo diverso.

Le partizioni primarie sono in grado di ospitare ogni tipo di file e sistema operativo. In alternativa, è possibile realizzare delle partizioni estese, che servono solo come contenitore per creare delle partizioni logiche, che a loro volta possono ospitare ogni tipo di dato.

E’ importante ricordare che Nei sistemi basati su BIOS e MBR (la maggior parte dei PC commercializzati prima del 2012) si possono creare fino a quattro partizioni primarie. Le partizioni logiche servono quindi a superare questo limite e creare un maggior numero di “spazi” sull’hard disk. Se si è invece in possesso di un computer più recente non è necessario creare partizioni estese o logiche: questi sistemi sono infatti basati su UEFI e utilizzano il sistema GPT per gestire le partizioni. Questo consente di creare fino a 128 partizioni primarie.

Partizionare un hard disk con Windows

Se si è in possesso di una versione recente di Windows è possibile gestire tutte le partizioni del disco grazie a un software specifico. Puoi compiere questa operazione dopo avendo premuto “Start” e ricercando il termine “Partizioni”. A questo punto dovrai selezionare il primo risultato ottenuto (dovrebbe essere “Crea e formatta le partizioni del disco rigido”). Si aprirà così una finestra contenente l’elenco dei dischi installati e legati al computer. A fianco sarà presente un grafico con le partizioni presenti attualmente sulle varie unità.

Se devi creare una nuova partizione è innanzitutto necessario ridurre le partizioni già esistenti e sfruttare per questo scopo lo spazio libero rimasto su disco. Per rimpicciolire una partizione serve fare clic destro sul grafico relativo e selezionare “Riduci volume” dal menu che compare. Dovrai così indicare nello specifico quanto spazio vuoi ridurre (in MB) nell’apposito campo di testo e cliccare su “Riduci” per confermare l’operazione. Se temi di perdere alcuni dati memorizzati sul tuo PC puoi stare tranquillo: non corri nessun rischio. In ogni caso, è comunque consigliabile effettuare periodicamente un backup dei file a cui sei maggiormente interessato.

Puoi a questo punto procedere con la creazione della nuova partizione. Fai clic destro sul grafico relativo allo spazio non occupato (di colore nero) e seleziona la voce “Nuovo volume semplice”. Dopo avere cliccato su “Avanti” dovrai indicare le dimensioni del volume semplice che si desidera creare (cioè le dimensioni in MB che deve avere la partizione), la lettera da assegnare all’unità, il file system da usare per formattarla (es. NTFS o FAT32) e l’etichetta del volume (cioè il nome da visualizzare in Risorse del computer). Clicca infine su “Avanti” e “Fine” per portare a termine l’operazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *