Oman
Oman

Oman, un tuffo dove il mare è più blu per ammirare le meraviglie dei fondali del Sultanato. Tremila chilometri di costa bagnate da Mar Arabico e Oceano Indiano per avventure marine e appassionati di sport acquatici. Le immersioni sono, infatti, una delle attrattive principali, grazie a Al Khayran, l’Isola di Fahal, le Isole Daymaniyat e l’isola di Masirah. In alternativa, un bagno nelle acque del golfo e partire, a bordo di un catamarano, alla ricerca dei delfini.

Al Sawadi per ammirare la sabbia rosa

La capitale Muscat bagnata da un mare tranquillo è il luogo perfetto per un bagno da soli o in compagnia. Le spiagge più popolari della zona sono Qurm e quella di Qantab dove è possibile ammirare il tramonto. Inoltre, per le famiglie o per gli appassionati, ogni giorno dal Marina di Sidab la mattina presto partono dei tour dedicati all’avvistamento dei delfini. Altro luogo spettacolare è il villaggio di Al Sawadi dove è possibile ammirare la sabbia rosa. Infine, la località più nota è la riserva naturale delle isole Daymaniyat a nord di Muscat. Le escursioni alle Daymaniyat sono fatte sotto stretto controllo della riserva marina e non durante il periodo in cui le tartarughe depongono le uova (la nostra estate). Mentre le immersioni possono essere effettuate invece tutto l’anno. Intorno, alle isole sono attualmente disponibili 17 punti di immersione, la cui profondità varia in genere dai 9 ai 30 metri.

Un’immersione per ammirare il relitto Al Munassir

Nella zona circostante la capitale, è possibile fare diving anche a Bandar Khayran, dove l’immersione avviene in acque poco profonde nei pressi del relitto dell’Al Munassir, una nave di 84 metri. Un’altra ottima meta è il villaggio di Sur, il famoso centro di costruzione dei dhow, le tipiche imbarcazioni del Sultanato. Immancabile una visita a Ras al Hadd, l’estrema punta orientale del paese, nel punto in cui le acque del golfo dell’Oman si uniscono a quelle del mare arabico.

All’isola di Masirah con fenicotteri e tartarughe caretta

Nella zona centrale del paese si trova invece l’isola di Masirah, la più grande dell’Oman, a circa tre ore da Muscat. Un’autentica oasi di pace raggiungibile con un piccolo traghetto dove è possibile ammirare fenicotteri e tartarughe caretta. Scendendo nella zona meridionale del Paese si scopre un Oman tropicale. Infine, giungiamo nella penisola di Musandam: nota per le alte falesie che la caratterizzano, i “fiordi d’Arabia”. Il Musandam è caratterizzato da distese di coralli variopinti, acque ricchissime di pesci e diverse specie animali marine come delfini, balene, ippocampi, nudibranchi, squali pinna nera e pesci pagliaccio.