Pedro Almodovar

Sarà l’anteprima italiana di Storie pazzesche – Relatos Salvajes, il film-rivelazione di Cannes 2014 diretto da Damián Szifron a inaugurare la XXIV edizione del Courmayeur Noir in Festival, la sera di martedì 9 dicembre.

“La direzione del festival – scrivono Giorgio Gosetti e Marina Fabbri – desidera ringraziare Lucky Red per l’attenzione al nostro lavoro e per un vero gioiello della black comedy che aggiunge una sfumatura essenziale alla nostra tavolozza di tutti i Colori del Nero.

I sei protagonisti degli episodi di furia urbana narrati da Szifron piacerebbero tanto a Monicelli quanto a Tarantino ed è proprio questo tratto in equilibrio tra comicità surreale e disagio sociale ad aver colpito tutti, in patria come nel resto del mondo”.

Un cocktail ben agitato (e non shakerato) di pulp, kitsch, ferocia e farsa dà vita a un racconto a episodi che affonda le sue radici nella commedia nera all’italiana, come se i “nuovi mostri” delle megalopoli contemporanee imbracciassero il fucile per cercare vendetta e riscatto.

Per il Noirfest, che quest’anno si muove tra i grandi temi del Doppio e della Paura, si tratta di una sorta di manifesto paradigmatico che inaugura una selezione di titoli in concorso tra le più vivaci e sorprendenti degli ultimi anni: dal capitano ambiguo di Black Sea alla donna prigioniera In the Box, dallo smarrito teppista inglese di Snow in Paradise al Robin Hood americano di Things People Do; dal prete braccato di Calvary ai cani furiosi di White God le grandi suggestioni del noir contemporaneo si rincorrono in cinque giorni fitti di eventi e personaggi: uno su tutti lo scrittore americano Jeffery Deaver, cui va il Raymond Chandler Award 2014.

Il Courmayeur Noir in Festival è diretto da Giorgio Gosetti e Marina Fabbri.

Il Festival è promosso dalla Direzione Generale per il Cinema del MiBACT; Regione Autonoma Valle d’Aosta Région Autonome Vallée d’Aoste Assessorato Turismo, Sport, Commercio e Trasporti – Assessorat du Tourisme, des Sports, du Commerce et des Transports; Comune di Courmayeur

Di Luca Talotta

Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...

Un pensiero su “Noirfest 2014 apre con le “Storie pazzesche” amate da Almodovar”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *