Nespresso, entro il 2022 caffè a emissioni zero. E’ questo l’impegno dell’azienda che fa capo alla Nestlé. Questa nuova ambizione si basa su oltre 10 anni di lavoro. Un lungo periodo durante cui Nespresso ha ridotto le sue emissioni di carbonio e ha compensato il resto attraverso l’agroforestazione.

Bisogna accelerare gli impegni per l’impatto zero

Il cambiamento climatico è una realtà. Ecco perché stiamo accelerando sui nostri impegni che puntano ad offrire un modo per bere il caffè a impatto zero entro il 2022. Un caffè, ottenuto dai chicchi più pregiati e rari, proveniente da fonti sostenibili. Credo che sia noi che tutta l’industria del caffè possano essere una forza positiva per il mondo. Bisogna affrontare questo problema urgente”. Il commento di Guillaume Le Cunff, CEO di Nespresso.

Riduzione, piantumazione, sostegno

Questo nuovo impegno sarà finalizzato a contrastare le emissioni che si verificano lungo la catena di approvvigionamento e ciclo di vita del prodotto. Nespresso raggiungerà la neutralità delle emissioni di carbonio attraverso diverse iniziative. La riduzione delle emissioni di carbonio. La piantumazione degli alberi all’interno e intorno alle piantagioni di caffè dalle quali Nespresso si rifornisce (insetting). E, infine, attraverso il sostegno e gli investimenti in progetti di compensazione di alta qualità.

George Clooney, Global Brand Ambassador: “Agire rapidamente”

“Il cambiamento climatico è in atto ora. Questo significa che tutti noi dobbiamo assumerci la responsabilità e agire rapidamente”. Le prime parole di George Clooney, Global Brand Ambassador di Nespresso e membro del Nespresso Sustainability Advisory Board. “È chiaro – prosegue l’attore – che Nespresso abbia compreso questa urgenza, mettendo il nostro pianeta e le persone al centro delle sue scelte. Queste ambizioni e questa visione si basano su un impegno a favore della sostenibilità in cui ho avuto il privilegio di essere stato coinvolto negli ultimi sette anni. Ho visto quanta strada abbiamo fatto e sono entusiasta di vedere quanto di buono Nespresso può offrire nei prossimi 10 anni”.