compositeMuseoNicolis

Il Museo Nicolis brilla fra le stelle a Poltu Quatu Classic 2021, la sesta edizione del Concorso d’Eleganza più glamour dell’estate. Evento che dal 2 al 4 luglio ha visto la Costa Smeralda celebrare l’eleganza motoristica internazionale. Nonché, la passione per il collezionismo e la bellezza senza tempo delle auto d’epoca.

L’edizione 2021 è stata anche l’occasione per celebrare i 30 anni di carriera come designer di Fabrizio Giugiaro che ha portato in Sardegna il suo primo prototipo, la leggendaria BMW Nazca. E, ha presentato in anteprima mondiale la sua ultima creatura, la GFG Vision 2030 Desert Raid.

Domina a Fiat 1100 Sport Barchetta Mille Miglia del Museo Nicolis

La dominatrice assoluta del Concorso d’Eleganza Poltu Quatu Classic è stata la Fiat 1100 Sport Barchetta Mille Miglia del Museo Nicolis di Villafranca di Verona. La vettura ha sfilato in Costa Smeralda con Silvia Nicolis e Riccardo Meggiorini al volante, un equipaggio davvero glamour che ha conquistato il trofeo “Best in Show 2021”, disegnato da Fabrizio Giugiaro.

Presentata alla giuria personalmente da Silvia Nicolis, presidente dell’omonimo Museo, la 1100 Sport è un esemplare unico che aveva partecipato all’edizione del 1948 della 1000 Miglia storica. Proprio questo importante dettaglio le ha permesso di aggiudicarsi anche il prestigioso trofeo “Spirit of 1000 Miglia”. Riconoscimento ufficiale Mille Miglia riservato all’automobile che meglio rappresenta l’essenza della Freccia Rossa, la gara che Enzo Ferrari definì “un museo viaggiante unico al mondo”. Ad oggi le vetture premiate, selezionate tra quelle in possesso di tutte le caratteristiche di eleggibilità alla 1000 Miglia, sono in totale 19 in tutto il mondo.

Silvia Nicolis: “La 1100 Sport rappresenta la storia del motorismo italiano”

“La Fiat 1100 Sport Barchetta MM, in gara nella classe 1000 Miglia Bond è stata recuperata e riportata all’antico splendore da mio padre Luciano. E’ un’auto che rappresenta la storia del motorismo italiano, tutta l’arte ed il design che ha sempre distinto l’Italia nel mondo. E’ giunta a noi con il libretto originale a testimonianza che l’ultimo suo proprietario, un medico condotto, la usava per correre dai suoi pazienti”. Le parole di Silvia Nicolis.

“E’ una grande soddisfazione per il Museo Nicolis – conclude Nicolis – ricevere questi importanti attestati. Lo è soprattutto in un momento storico in cui cultura e turismo attraversano difficoltà imprevedibili. E’ una forte motivazione per me e tutto il team. Tutto questo ci fa ricordare che siamo i custodi di una storia e di un passato che è un punto di riferimento imprescindibile per tutto il mondo”.

La giuria Internazionale

Ulteriore gratificazione proviene dal prestigio della Giuria Internazionale, presieduta da Paolo Tumminelli, noto storico dell’auto. Al suo fianco Fabrizio Giugiaro, il noto designer. Luciano Bertolero, fondatore di Auto Classic e grande esperto Ferrari. Emmanuel Bacquet del Comitato di Selezione del Concorso d’Eleganza di Villa d’Este a rappresentare la FIVA. Valentino Balboni, leggendario collaudatore Lamborghini.

Alberto Vassallo, CEO di Car and Vintage, e J. Philip Rathgen, CEO di Classic Driver. Mariella Mengozzi, Direttore del Museo dell’Automobile di Torino e Gaby von Oppenheim, scrittrice e pilota di auto storiche. Enrico Renaldini, PR di Gare d’Epoca, Shinichi Ekko, giornalista e presidente del Maserati Club Japan e dalla Danimarca Henning Thomsen, rappresentante FIVA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *