Michelin EPRIMACY è il primo pneumatico eco-responsabile. Tant’è che l’analisi dell’intero ciclo di vita è stata inserita nella progettazione per far fronte all’impatto ambientale del prodotto. Infatti, la ricchezza di tecnologie rendono ePRIMACY lo pneumatico più efficiente in termini di resistenza al rotolamento. Quindi, il più ecologico e conveniente da usare. Al contempo, ha tutta la sicurezza, il grip e la durata che contraddistinguono i pneumatici Michelin.

A in efficienza, B in aderenza sul bagnato

Grazie alle sue ottime prestazioni in resistenza al rotolamento, Michelin e.PRIMACY è classificato “A” in efficienza energetica e “B” in aderenza sul bagnato. Un risultato eccezionale, considerato che meno dell’1% dei modelli in commercio combinano la resistenza al rotolamento in classe “A” e “A“ o “B” in aderenza sul bagnato.

Materiali riciclati o rinnovabili per la fabbricazione degli pneumatici

Le questioni ambientali sono al centro delle priorità di Michelin. In tal senso, Michelin si è, infatti, impegnata a diminuire le emissioni di CO2 dei suoi impianti di produzione del 50% entro il 2030. L’obiettivo finale è raggiungere la neutralità dell’impronta di carbonio entro il 2050. Un contributo al raggiungimento dell’obiettivo arriva dall’uso di materiali riciclati o rinnovabili per la fabbricazione degli pneumatici, E, contestualmente, al continuo miglioramento delle loro prestazioni.

Ecologia, economia, performance

Da quasi 30 anni, la riduzione dell’impatto ambientale è al centro della strategia di Michelin. Era, infatti, il 1992 quando Michelin ha sviluppato il primo pneumatico ‘verde’. Un pneumatico che riduce la resistenza al rotolamento per consentire un minor consumo di carburante e di CO2.