Masterizzare un CD

Masterizzare un CD è un’azione che fino a qualche tempo fa era compiuta spessissimo da chi voleva riportare un un disco i propri brani preferiti. in realtà, questa azione è compiuta frequentemente anche ora anche per quanto riguarda i documenti di lavoro o i video scaricati da internet. Ecco come farlo in pochi minuti.

Masterizzare un CD: alcune informazioni utili prima di agire

Nella maggior parte dei casi quando abbiamo la necessità di avere a disposizione alcune dati scegliamo di memorizzarli su una chiavetta USB. Questo strumento consente di personalizzare il contenuto della “pennetta” senza modificarlo integralmente. Con un CD, invece, l’operazione non è così immediata.

Se si decide di effettuare una seconda masterizzazione, infatti, è necessario cancellare il contenuto del disco prima di memorizzare altri dati. Riscrivere un CD non è però sempre possibile.

Diventa quindi fondamentale distinguere tra CD-R e CD-RW. Su un CD-R è possibile scrivere una sola volta senza cancellarne il contenuto. In questo caso quando viene effettuata la masterizzazione se ci si accorge di avere commesso errori il disco andrà buttato. Un CD-RW, invece, è riscrivibile: è quindi possibile modificare i dati memorizzati più volte.

Masterizzare un CD: tipi di dati da memorizzare

Fino a qualche tempo fa si sceglieva di masterizzare un CD soprattutto per risparmiare soldi ed evitare di comprare il disco di un cantante. Questa operazione è ancora possibile, ovviamente a condizione di essere dotati di un computer con masterizzatore. In questo caso è necessario inserire in fase di scrittura i file .cda, che possono essere letti da uno stereo. Non c’è però il supporto per la lettura mp3.

Sempre più diffusa è invece la composizione dei CD dati. E’ uno strumento versatile e utile per conservare vari tipi di informazioni. Dai documenti di lavoro ai fogli di calcolo, ma ovviamente anche per i file musicali. Non è però possibile riprodurlo su un lettore CD. Può essere invece utilizzato per spostare la musca da un PC a un altro.

Un altro disco che è possibile masterizzare sempre più spesso è un CD dati con file .mp3. Si tratta di uno strumento adatto per conservare la propria musica preferita, ma con il vantaggio di consumare poco spazio. La qualità dell’audio resta comunque ottima. In queste situazioni per la riproduzione sono disponibili lettori specifici.

Chiudiamo la rassegna con il disco immagine, un disco contenente la copia esatta di un disco, in tutto e per tutto. E’ utile ad esempio per memorizzare i sistemi operativi per installarli su un altro dispositivo. Non mancano nemmeno le azioni “pirata”, ovvero la copia di videogiochi per evitare di acquistare l’originale.

Masterizzare un CD: come procedere

Essere consapevole del tipo di dati che si vogliono masterizzare diventa quindi fondamentale per procedere con l’operazione. Per raggiungere questo scopo è possibile utilizzare un programma specifico che consente di agire in pochi minuti.

Uno dei più diffusi è CDBurnerXP, che può essere installato sul computer senza alcun costo. Qui è disponibile un menu dove è possibile tenere sotto controllo l’intera procedura per verificare che lo spazio disponibile sia sufficiente. Finché l’azione non è terminata è fondamentale non spegnere il computer o aprire il vano per l’inserimento del CD. In caso di interruzione il compito infatti non andrà a buon fine.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *