Marco Aurelio Fontana ai Campionati del Mondo di ciclocross
Marco Aurelio Fontana ai Campionati del Mondo di ciclocross, foto ufficio stampa Marco Aurelio Fontana

Ai Campionati del Mondo di ciclocross Marco Aurelio Fontana ha dimostrato di valere la top ten. Il Campione d’Italia di specialità a Tabor, in Repubblica Ceca, ha chiuso la sua prova in 1h12’06”, a 2’54” dal vincitore Mathieu Van der Poel (Olanda).

Marco Aurelio Fontana ai Campionati del Mondo di ciclocross
Marco Aurelio Fontana ai Campionati del Mondo di ciclocross, foto ufficio stampa Marco Aurelio Fontana

Al termine di una corsa serrata, su un tracciato esigente e scivoloso, il Prorider si è così espresso: «L’inizio di gara è stato davvero caotico e nei primi giri, partendo in quarta fila, sono stato costretto ad assumermi parecchi rischi, oltre che impegnarmi a farmi largo e cercare di recuperare posizioni. Non avevo la gamba dei primi e ho commesso un errore: quando ero in rimonta non ho cambiato bici e così mi è caduta la catena a causa del tanto fango. In quel momento ho perso un po’ la testa, devo dire grazie a Luca Braidot che mi ha dato un grande aiuto per due giri: è stato un compagno di squadra prezioso, mi ha ridato morale. Senza di lui, non sarei riuscito a chiudere tra i primi dieci. Il risultato, pensandoci, non è assolutamente da buttare ma sinceramente ero molto gasato dal percorso, quindi speravo in un esito migliore».
L’azzurro della Cannondale Factory Racing chiude oggi la sua stagione ciclocrossistica, per focalizzarsi su quella che gli sta più a cuore di MTB.
Dal 10 al 24 febbraio sarà in ritiro con la Nazionale CX a Follonica (GR).