Mango, foto Pagina ufficiale Facebook
Mango, foto Pagina ufficiale Facebook

Nel momento più magico, il cuore si ferma, la vista s’annebbia e tutto finisce. E così, anche l’esperienza terrena di Mango è giunta al termine: un artista completo, poliedrico, che ha avuto la fortuna di lasciarci in eredità alcuni successi che hanno fatto la storia della musica italiana. Se n’è andato così, durante un concerto a Policoro, in provincia di Matera. Aveva compiuto 60 anni il 6 novembre. Mentre stava cantando la sua ultima canzone, ha detto al microfono: “Scusate, non mi sento bene”. E poi si è accasciato.

Trasportato in ospedale, è giunto già morto. Nato a Lagonegro (Potenza) il 6 novembre 1954, si è accasciato mentre stava cantando Oro, uno dei suoi brani più famosi che tutti ci ricordiamo perché divenne la colonna sonora di uno spot pubblicitario altrettanto noto al grande pubblico. A dare la notizia ufficiale della morte è stato il suo staff sulla sua pagina Facebook

Il cordoglio si è subito diramato sui Social Network: qui sotto potete vedere come sta rispondendo Twitter alla notizia della morte di Mango. Morire a 60 anni, sul palco, cantando il proprio successo, è forse il sogno di tutti gli artisti (o quasi): a noi, però, fa male perdere una grande personalità così, sul nulla, solo con le sue note che riecheggiano in giro per l’area. No, Mango, non dovevi fare così: ora, però, Rondine spiega le tue ali e vola via, nel cielo color Oro.

SHARE
Previous articleSienna Miller sfida lo chef Jamie Oliver
Next articleDiario di un wedding planner, Enzo Miccio si svela
Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here