Ricorre oggi il 50esimo anniversario della scomparsa di Luigi Tenco, trovato cadavere a Sanremo. Sono ancora tanti i misteri sulla sua fine.

Luigi Tenco: una morte ancora misteriosa

I giovani di oggi conoscono sicuramente poco in merito alla carriera di Lugi Tenco, ma il cantautore ha indubbiamente segnato la storia della musica. La sua apparizione risale al 26 gennaio 1967, quando sul palco di Sanremo era stato protagonista di un’interpretazione struggente di “Ciao amore ciao”. A sorpesa, però, l’artista venne eliminato e, protabilmente per la delusione, finì per uccidersi con un colpo di pistola. Una tragedia gravissima, soprattutto perché l’artista aveva solo 29 anni.

In un biglietto aveva lasciato scritto che non sopportava l’idea di vivere in un Paese che mandava in finale “Io tu e le rose”. Un gesto così estremo resta però ancora difficile da comprendere.

Ufficialmente la morte è stata catalogata come suicidio, ma c’è chi ancora adesso ha forti dubbi. Emblematiche in merito sono le parole di Francesco Guccini: “Il suicidio di Tenco resta inspiegabile, forse c’entra la storia con Dalida, anche se il fratello mi ha sempre detto che fu ammazzato” – racconta nel libro ‘Forse non sarà domani’. Il testo è una delle tante pubblicazioni che uscirà in occasione dell’anniversario. Autori lo psichiatra Gaspare Palmieri e il giornalista Mario Campanella.

Luigi Tenco: le sue canzoni più importanti

L’artista ha lasciato tre album, qualche inedito, e un canzoniere straordinario. “Mi sono innamorato di te”, “Vedrai vedrai”, “Lontano lontano”, “Un giorno dopo l’altro”, “Ragazzo mio”, “Ciao amore ciao”, “Se stasera sono qui”, “Ho capito che ti amo”, per citare solo i titoli più famosi.

Un vero genio, per molti, nella storia della musica, che ancora oggi avrebbe potuto essere apprezzato dalle giovani generazioni.

Luigi Tenco: le iniziative per ricordarlo

Sono diversi i programmi previsti nel giorno dell’anniversario della scomparsa.  Sveva Alviti sarà al Festival nelle vesti di Dalida. A breve è previsto il biopic sulla cantante francese.

A lui sarà dedicato un concerto in programma alle 21 presso il Teatro dell’Opera del Casinò di Sanremo, lo stesso in cui si esibì nel 1967 con la canzone “Ciao amore ciao”.  La serata è organizzata da artisti che per l’occasione hanno scelto di rimanere nel totale anonimato fino alla sera della manifestazione. Tutti desiderano che l’unico nome che appaia sia quello di Luigi Tenco.

E’ inoltre prevista l’uscita del libro “Vita di Luigi Tenco”, scritto da Aldo Colonna. L’autore lancia un’ipotesi sconvolgente in merito alla fine dell’artista. Si parla infatti di omicidio e non si suicidio, come finora ipotizzano tutti. Lo scrittore fa riferimento a un «libro bianco» di prossima pubblicazione che dovrebbe aggiungere documenti alle supposizioni.