Luca Cordero di Montezemolo
Foto: Wikimedia Commons

Luca Cordero di Montezemolo, uno degli impreditori italiani più importanti, festeggia oggi il suo 70esimo compleanno.

Luca Cordero di Montezemolo: un nobile dal grande futuro

Montezemolo nasce a Bologna il 31 agosto 1947 e vanta origini nobili. Non ha
quindi difficoltà a studiare e a prendere la laurea n giurisprudenza, conseguita nel 1971 presso l’Università La Sapienza di Roma. Nonostante l’importante titolo, non si accontenta e deciderà di perfezionarsi ulteriormente approfondendo le sue conoscenze di Diritto Internazionale presso la prestigiosa Columbia University di New York.

La sua attività lavorativa inizia all’interno di alcuni studi legali a Roma e New York. La passione per il mondo dei motori era già fortissima fin da allora. Proprio in quel periodo inizia a pensare di poterla trasformare in un’attività professionale. In breve tempo l’obiettivo verrà pienamente centrato.

Luca Cordero di Montezemolo: i motori sono nel suo destino

Nel 1973 entra a far parte dello staff della Ferrari, già allora considerata uno dei marchi più apprezzati nel mondo. Il ruolo che gli viene affidato è di tutto rispetto: è infatti responsabile della squadra corse al fianco del patron Enzo Ferrari.

L’esperienza a Maranello sarà però relativamente breve e terminerà nel 1977, anno in cui passerà alla FIAT dove diventerà responsabile delle relazioni esterne. Nel corso degli anni non mancheranno altri incarichi importanti. Successivamente diventerà amministratore delegato della ITEDI, la holding che controlla il quotidiano “La Stampa”, ma continuerà anche a collaborare con il Gruppo Fiat, ma questa volta con compiti legati alle società editoriali del Lingotto.

Nel 1982 diventa amministratore delegato della Cinzano International, società dell’Ifi, poi si occuperà anche della partecipazione all’America’s Cup con l’imbarcazione Azzurra Challenge.

La passione per lo sport resterà intatta in lui e lo porterà anche a diventare direttore generale del comitato organizzatore dei Mondiali di Calcio di Italia ’90.

Luca Cordero di Montezemolo: alla guida di una Ferrari vincente

Il richiamo della Ferrari tornerà a farsi sentire insistentemente e lo porterà nuovamente a Maranello nel 1991. Questa volta assumerà il doppio incarico di presidente e amministratore delegato. Non si tratta di un ruolo solo dirigenziale, ma avrà la possibilità di essere costantemente presente alle corse e di indirizzare la strategia del team in Formula Uno.

Grazie anche al suo contributo nel 2000 la “Rossa” tornerà a laurearsi campione del mondo grazie a Michael Schumacher, che centrerà l’obiettivo per sette volte. Il titolo piloti mancava dal 1979.

Le sue ottime doti imprenditoriali lo porteranno poi a diventare presidente di Confindustria dal 2003 al 2007.

Luca Cordero di Montezemolo: l’incarico in Alitalia

A marzo 2014 ha assunto la presidenza di Alitalia, incarico che ha mantenuto per tre anni. In quel periodo la compagnia di bandiera attraversava una fase tutt’altro che felice, ma il tentativo di aiutare la società a risollevarsi riesce solo in parte.

Montezemolo durante il suo incarico ha provato a chiedere aiuto a governo e istituzioni sottolineando quanto fosse importante fare fronte comune per tornare a crescere. Aveva infatti espresso la necessità di poter contare su aeroporti competitivi, un tour operator nazionale e una catena di alberghi nazionali. Solo questo avrebbe potuto rendere di nuovo il nostro Paese una mappa quasi obbligata per molti turisti. A marzo 2017 prendere però atto di un bilancio poco felice e dà la dimissioni, ma restando nel cda.