LG
LG

In occasione del CES 2020, il Presidente e Chief Technology Officer di LG Electronics, Dr. I.P. Park, ha presentato la sua visione per il futuro sviluppo dell’Intelligenza Artificiale (AI) all’interno dell’intervento dal titolo “I livelli della AI Experience: il futuro dell’Intelligenza Artificiale e dell’Esperienza Umana”. Coerentemente con la filosofia alla base di LG ThinQ, l’obiettivo è quello di rivoluzionare l’esperienza quotidiana delle persone utilizzando la tecnologia per collegare in maniera smart tutti gli aspetti della loro vita, creando un sistema di prodotti e servizi in grado di far sentire le persone ovunque come a casa propria.

LG, le parole di Park

Durante il suo intervento al Mandalay Bay Convention Center di Las Vegas, I.P. Park ha spiegato che è fondamentale delineare un quadro strutturato per lo sviluppo dell’AI nell’intero comparto. In modo da poter creare un impatto significativo sulla vita delle persone. I.P. Park è stato poi raggiunto sul palco da Jean-François Gagné, co-fondatore e CEO di Element AI, azienda di Montreal di sviluppo di AI. Insieme hanno discusso della responsabilità dell’industry nello sviluppo di tecnologie future. Hanno spiegato quali sono i quattro livelli di esperienza di AI (AIX). Devono essere sviluppati nei prossimi anni.

Efficienza

L’Efficienza, il primo livello, è quello in cui le funzioni specifiche del dispositivo dotato di AI possono essere automatizzate attraverso semplici comandi, come avviene con la maggior parte dei prodotti di riconoscimento vocale e di AI attualmente sul mercato. A questo livello, l’Intelligenza Artificiale regola automaticamente le prestazioni in relazione a input prestabiliti, massimizzando l’efficienza nelle interazioni con l’utente. Un esempio di AI di primo livello è il condizionatore d’aria LG ThinQ che ha un sensore intelligente per rilevare la presenza di persone in una stanza e regolare di conseguenza la temperatura e il flusso d’aria, ha spiegato I.P. Park.

Personalizzazione

Il livello successivo, Personalizzazione, si concentra sull’apprendimento di modelli di uso per ottimizzare e personalizzare le funzioni del dispositivo, ha dichiarato Gagné. I dispositivi e i servizi dotati di AI a questo livello apprendono dati dalle interazioni con l’ambiente e gli utenti, e li utilizzano per migliorare la loro capacità di eseguire efficacemente i compiti e semplificare le interazioni con l’utente. I.P. Park ha descritto come l’aspirapolvere robot LG R9 di nuova generazione sarà in grado di imparare dagli errori (come bloccarsi in spazi stretti e angoli) ricordando la mappatura degli spazi.

Ragionamento

Il Ragionamento, il terzo livello, prevede un’intelligenza artificiale che possiede la capacità di riconoscere i nessi causa/effetto grazie alla capacità di interagire con un sistema composto da diversi dispositivi e servizi. Comprendendo la causa di certi modelli d’uso, l’intelligenza artificiale a questo livello riesce ad anticipare e soddisfare in anticipo le esigenze degli utenti. “La varietà dei nostri prodotti smart ci permette di creare le basi per la costruzione di un sistema intelligente in grado di capire il ‘perché’ delle cose e stabilire la causalità”, ha osservato I.P. Park.

Esplorazione

Il quarto livello, Esplorazione, è “l’obiettivo finale dell’AI di LG”, ha concluso I.P. Park. Utilizzando un concetto chiamato Experimental Learning basato sul metodo scientifico, i sistemi dotati di AI saranno in grado di sviluppare nuove capacità attraverso la formulazione e sperimentazione di ipotesi per scoprire nuove inferenze, consentendo loro di imparare e migliorare il supporto che possono dare alle persone.