OcchiMarielou Lolilop from Pixabay"/>
Image by Marielou Lolilop from Pixabay

L’occhio è un organo responsabile della visione, ha una struttura complessa che permette di raccogliere la luce ambientale, regolare la luminosità e formare un’immagine sulla retina che, a sua volta, la trasmette in segnali elettrici e li invia al sistema nervoso centrale attraverso un processo naturale. Le strutture oculari si trovano all’interno dell’orbita e protette da quest’ultima.

Le malattie degli occhi si classificano in base all’organo colpito e sono suddivise in:

  • Malattie delle palpebre;
  • Malattie della cornea;
  • Malattie della retina;
  • Malattie dell’apparato lacrimale;
  • Malattie della congiuntiva;
  • Malattie dell’iride
  • Malattie del cristallino. 

I disturbi visivi degli occhi più diffusi 

Tra le patologie e i disturbi visivi più comuni nei soggetti adulti troviamo la cataratta, causata dalla progressiva opacizzazione del cristallino e, quindi, alla sua perdita di trasparenza.
Il Cheratocono è una malattia degenerativa della cornea che può colpire entrambi gli occhi, sia in età adulta che in età giovane. 

Ci sono molti disturbi visivi molto comuni tra bambini, giovani e adulti. Tra le malattie e i disturbi degli occhi troviamo: 

Strabismo

Lo strabismo è un disturbo visivo che provoca la deviazione degli assi visivi, causati generalmente da un funzionamento anomalo dei muscoli oculari. Questo disturbo appare, solitamente, sin dai primi anni di una persona e può essere risolto attraverso l’utilizzo di appositi lente da vista

Se non trattato nel corso dell’infanzia, il cervello tende ad l’occhio deviato per evitare lo sdoppiamento dell’immagine.

Congiuntivite

La congiuntivite è un disturbo oculare molto comune e frequente, consiste nell’infiammazione della congiuntiva causata generalmente da infezioni, irritazioni e allergie.
Questo disturbo sparisce entro i 20 giorni dalla sua comparsa ma, nei casi più gravi, è necessario utilizzare dei colliri a base di antibiotici o antistaminici. 

Ametropie

Le ametropie rappresentano un gruppo di patologie oculari, riconosciute anche come difetti di rifrazione. I disturbi visivi più comuni, che rientrano nel gruppo delle ametropie sono:

  • La miopia: definita da una lunghezza eccessiva del bulbo oculare rispetto alla lunghezza standard e nella difficoltà di messa a fuoco degli oggetti lontani.
  • L’astigmatismo: è dovuto dalla mancanza di un unico punto focale e le immagini sono viste in modo deformato.
  • L’ipermetropia: definita dal bulbo oculare più corto rispetto al normale che porta l’immagine oltre il piano retinico, ovvero è difficile vedere oggetti da vicino

Presbiopia

La presbiopia consiste in una perdita fisiologica di elasticità da parte del cristallino, che si presenta in età avanzata e causa una difficoltà nella messa a fuoco di oggetti ravvicinati.

Il malfunzionamento del cristallino causa irrigidimento e sclerosi che incidono sulla capacità di messa a fuoco e modificano la sua struttura anatomica tridimensionale.
Questo disturbo oculare può essere trattato attraverso lenti correttive nelle fasi iniziali, mentre nei casi più gravi è possibile avviare un trattamento di chirurgia refrattiva laser o un impianto di cristallino multifocale che sostituisce il cristallino difettoso.

Daltonismo

Il daltonismo è una malattia genetica che colpisce un’alta percentuale di persone e consiste nell’incapacità di distinguere correttamente i colori a causa di una percezione alterata geneticamente. Attualmente, non esiste una cura risolutiva per questa malattia.