Burlesque
Burlesque

A Zelig Cabaret una nuova esperienza nel pieno spirito di continua trasformazione, sperimentazione e cambiamento che contraddistingue il locale milanese dedicato al cabaret.
Una divertente rassegna di 6 appuntamenti da febbraio a luglio 2015, composta da fantasiose commedie con intermezzi di burlesque-show.

Il revival del burlesque impazza ormai da alcuni anni anche in Italia con serate in locali notturni e show in tv, ma si presenta di solito come una sequenza di numeri di 4 o 5 minuti inframmezzati da musica o tutt’al più da un brillante presentatore e una band. La rassegna ideata da Emilio Pappalardo invece presenta una serie di pièce teatrali con intermezzi burlesque, che fanno parte dello spettacolo, e che sono affidate alle artiste che gravitano attorno alla scuola di formazione “La Cave du Burlesque“, attiva da due anni a Milano, che sfileranno nei loro mirabolanti costumi. Capeggiate dalla maestra, coreografa e performer burlesque Lily Le Ludique.
Histoire du Burlesque è uno spettacolo che appassiona, diverte, meraviglia e intriga.
L’intervista fa da filo conduttore della storia articolata in quadri che ripercorrono lo sviluppo dell’arte burlesque partendo dalla parodia dell’Inghilterra del ‘600 arrivando alla rivista in Italia, passando dalla Belle Epoque in Francia, dal mondo circense fino al fenomeno delle Pin Up in USA.

Dall’esperienza maturata a La Cave di Milano, una rassegna di show strabilianti e affascinanti quanto effimeri e sfuggenti. Un azzardatissimo e buffissimo mix di burlesque, comicità, parodia e musica che trascina lo spettatore in un mondo fantastico pieno di colori e suoni con un finale a sorpresa che svelerà “la vera” origine del Burlesque.

SHARE
Previous articleToyota, regina della guida sostenibile
Next articleLa mobilità del futuro nelle mani di Ford
Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...