KeyJack
KeyJack

Proteggere efficacemente la chiave della dell’auto e la carta di credito da ogni tentativo di clonazione. Con questo obiettivo LoJack Italia, la società americana parte del colosso della telematica CalAmp leader nel rilevamento e recupero di beni rubati, ha lanciato sul mercato LoJack KeyJack. Si tratta di un “key e card protector”, costruito con materiali che si ispirano alla “gabbia di faraday”. E’ a prova di cyber ladri in cui tenere al sicuro la chiave della propria auto quando non viene utilizzata.

KeyJack, caratteristiche

Grazie al tessuto speciale di cui è composta, KeyJack è in grado di proteggere le smart key. Evita che malintenzionati possano rilevare il loro segnale eludendo il sistema di accesso a bordo e di accensione dell’auto. E’ una tecnica di furto già molto diffusa in Europa e in via di sviluppo anche in Italia. KeyJack può essere utilizzata anche per custodire la carta di credito, evitandone la clonazione.

Come funziona il relay attack

KeyJack si presenta come un argine all’innovativo metodo di furto denominato “relay attack” che non prevede il contatto fisico con la vettura, ma l’uso di due ripetitori in radiofrequenza. Consentono di far “rimbalzare” la comunicazione tra l’auto e la sua chiave anche quando questa è a distanza. In questo modo il veicolo viene di fatto “ingannato”, facendo risultare la presenza della chiave per la normale procedura di autenticazione, quando in realtà essa è fuori portata. Il sistema richiede la presenza di due soggetti (uno nei pressi della chiave e l’altro nelle vicinanze della vettura) e sfrutta le debolezze dei software delle case costruttrici.