JoinBed
JoinBed

Non è un momento facile per il mondo dei viaggi, bloccato dall’emergenza Coronavirus. Quando sarà passata però sicuramente tutti avranno voglia di tornare a muoversi. Se lo augura anche Marco Messina, fondatore di JoinBed, start-up di turismo esperienziale italiana attiva su tutto il territorio nazionale.

JoinBed e il Coronavirus

L’emergenza del Coronavirus, che sta influenzando la vita di tutti noi, ha colpito in modo particolarmente duro il settore del turismo. Il nostro primo pensiero, in ogni caso, si rivolge a tutte le persone che in questa fase stanno lottando. Vogliamo condividere con loro un messaggio di speranza e solidarietà. Per il turismo esperienziale il 2020 sarà un anno complesso, ma non ci possiamo fermare. E in queste settimane stiamo lavorando per ideare nuove proposte e progettare il futuro, la ripartenza di noi tutti”.

Dichiarazioni di Marco Messina

“Penso che la ripartenza del nostro settore avverrà dal mercato nazionale, offrendo esperienze made in Italy a un pubblico italiano. Ecco perché insieme a molte novità già annunciate per il 2020 e confermate, come il tour storico-architettonico a Piazza Armerina e il tour tra natura e architettura ad Agrigento, in Sicilia, abbiamo inserito nel network ulteriori novità per scoprire il bello ‘nascosto’ in Italia. Un esempio? A Gubbio, gioiello medievale dell’Umbria, un casale dell’autoproduzione dove la giornata è scandita tra passeggiate nei boschi e nella campagna, con host che conoscono molto bene il territorio, e la preparazione di piatti tipici in cucina, condividendo ricette tramandate di madre in figlia. Oppure le esperienze di pesca sportiva in Puglia e nel Veneto, solo apparentemente simili: in realtà cambiando i territori, le abitudini, gli orizzonti e le storie personali, si tratta di proposte per chi ama la natura e la pesca molto differenti. Questo è il segreto del nostro Paese: la sua straordinaria varietà”.

Futuro

“JoinBed è un’avventura imprenditoriale iniziata nel 2017 con la Masseria Yoga in Puglia. Lì abbiamo unito la cucina locale di alto livello alle lezioni mattutine di yoga. Fu l’inizio di un percorso di crescita costante in cui abbiamo sempre cercato di valorizzare il turismo locale e la genuinità dell’esperienza vissuta in prima persona. Un approccio basato sulla fiducia reciproca tra le persone che sono certo aiuterà il settore a ripartire. E nel futuro prossimo questo legame di fiducia oltre alle straordinarie opportunità che solo l’Italia può offrire sono certo saranno il ‘motore’ della ripartenza”