Johnny Dorelli

Oggi spegne 80 candeline Johnny Dorelli, artista a tutto tondo che ha avuto modo di mostrare le sue doti come cantante e attore.

Johnny Dorelli: gli esordi

Johnny Dorelli (vero nome Giorgio Domenico Guidi) nasce a Meda (Milano) nel 1937, ma trascorre gran parte dell’infanzia negli Stati Uniti insieme al padre, apprezzato tenore. Guidi senior si fa chiamare Nino D’Aurelio, nome che gli americani spesso non sanno pronunciare alla perfezione e questo lo porterà alla scelta del nome d’arte di “Johnny Dorelli”. La sua presenza oltreoceano lo porta a studiare contrabbasso e pianoforte alla High School of Music and Art di New York.

Nel periodo trascorso all’estero, pur essendo giovanissimo, sono in tanti a gradire la sua voce suadente e mai banale. Questo lo porta a partecipare a diversi concorsi dedicati ai nuovi talenti. A 14 anni nel 1951 incide il suo primo per La voce del padrone un 78 giri con i pezzi Arrotino/Famme Durmi. Torna in Italia nel 1955 dove ha la possibilità di entrare a far parte della scuderia CGD di Teddy Reno. La collaborazione con il produttore discografico gli permette di incidere diverse canzoni in inglese.

Dorelli in breve tempo si afferma come “crooner”. Con questo termine in quel periodo si definisce un cantante  metà strada tra un interprete di musica popolare e uno di musica jazz. Altri interpreti del genere sono Nicola Arigliano, Fred Bongusto e lo stesso Teddy Reno.

Johnny Dorelli: la consacrazione a Sanremo

La vera affermazione di Johnny Dorelli arriva nel 1958, anno in cui l’artista prende parte al Festival Di Sanremo insieme a Domenico Modugno. All’epoca i due non immaginavano certamente il grande successo che avrebbe avuto il brano presentato in gara. Si tratta infatti di “Nel blu dipinto di blu”, cantato oggi anche dai giovanissimi.

L’anno successivo, la coppia Modugno-Dorelli si ripresenta a Sanremo, questa volta con “Piove”, e vince di nuovo. Entrambi i brani vengono legati ancora oggi al nome di Modugno, che ne è anche l’autore, ma Dorelli inizia a raccogliere diversi apprezzamenti.

Seguono stagioni di altri successi.  In nove partecipazioni a Sanremo arriva infatti per ben otto volte in finale. Ad apprezzarlo è un pubblico sempre più variegato.

Johnny Dorelli: la recitazione e le apparizioni in Tv

Gli anni ’60 segnano la grande affermazione di “Carosello” (proprio nel 2017 il programma celebra i 40 anni dall’ultima puntata) . Proprio in questo ambito Dorelli ha la possibilità di fare qualche apparizione. Celebre infatti è quello girato per la Galbani. La popolarità ottenuta spinge la Rai ad affidargli diversi spettacoli, tra cui “Johnny 7”, “Johnny Sera”, “Se te lo raccontassi”– Questi programmi sono la conferma del talento a tutto tondo di cui è dotato l’artista lombardo.

Da attore porta in scena il personaggio di Dorellik, a cui Arnoldo Mondadori Editore si ispirerà per creare Paperinik. Gli impegni da portare avanti sono davvero numerosi e di vario genere: si va dai brani musicali ai film, ma senza dimenticare spettacoli teatrali e commedie musicali.

Sono in tanti ancora oggi a ricordarlo per il ruolo in “Aggiungi un posto a tavola”, replicato numerosissime volte nel corso degli anni. A volerlo fortemente sono i due autori, Garinei e Giovannini.

Johnny Dorelli: gli amori

Ai successi in ambito lavorativo Dorelli affianca anche quelli con le donne. La sua vita sentimentale, infatti, è piuttosto movimentata e lo porta a vivere tre grandi amori. La prima relazione rilevante è con Lauretta Masiero, soubrette di ben 17 anni più grande di lui. Questo legame per l’epoca scatenerà non poche critiche, ma viene suggellata dalla nascita del figlio Gianluca, oggi attore e cantante.

Il rapporto con la showgirl si interrompe non appena Dorelli si innamora di un altro personaggio famoso Catherine Spaak. I due si sposano nel 1972 e hanno un figlio, Gabriele, oggi registra e produttore teatrale. Le nozze non sono però destinate a durare: nel 1979, infatti, Johnny conosce Gloria Guida e ne resta folgorato. I due appaiono profondamente diversi, ma non ascoltano le malelingue e si sposano. Da questo rapporto nasce nel 1991 Guendalina, che li ha resi nonni. Il matrimonio prosegue ancora oggi felicemente.

Oggi l’artista si occupa soprattutto di musica e di rappresentazioni teatrali. La moglie Gloria, invece, si è affermata come attrice, ma oggi preferisce dedicarsi alla famiglia salvo qualche apparizione sporadica in Tv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *