In Portogallo è nato 516 Arouca il ponte tibetano pedonale più lungo al mondo, con un’altezza di 175 metri dal fiume, 516 metri di lunghezza e 1,20 metri di larghezza. L’opera ingegneristica è realizzata con cavi e reti metalliche. Ciò permette a chi lo percorre di intravedere la natura sotto di sé.

Dieci minuti tra le nuvole

Il ponte è sospeso fra due torri di cemento a forma di V alte circa 35 metri. Al centro, invece, presenta una leggera depressione. Gli avventurieri che decideranno di intraprendere la camminata di circa 10 minuti, potrà godere di vedute mozzafiato: il fiume Paiva a valle, la gola di Paiva e la cascata di Agueira. Sembrerà, insomma, di camminare sospesi tra le nuvole.

A novembre l’apertura al pubblico

Progettato dallo studio di architettura Itecons e finanziato da fondi Europei, l’idea è nata quattro anni fa. Ma la costruzione è iniziata solamente nel 2017 a causa di problemi geologici. Ora 516 Arouca è realtà. E il prossimo mese ci sarà un’apertura ristretta al pubblico. 516 Arouca non è solo il ponte più lunga al mondo. E’ tanto di più. E, infatti, un’opera di estrema importanza per valorizzare e promuovere il patrimonio culturale e naturale della zona e per dare un’importante spinta all’economia della regione. Inoltre, 516 Arouca diventa un vero e proprio biglietto da visita per il Portogallo e per la sua grande innovazione nei progetti di ingegneria civile.

Volare ad Arouca vuol dire anche visitare piagge fluviali e villaggi

Visitare Arouca, comune vicino a Porto, significa anche una visita al Geoparco di Arouca, un parco riconosciuto dall’UNESCO nel 2009 per il suo patrimonio geologico. Questo autentico museo all’aperto è anche il luogo perfetto per praticare il canyoning, kayak e arrampicata. Inoltre, nelle vicinanze di Arouca si trovano le spiagge fluviali di Areinho e Vau e i villaggi di Alvarenga, Canelas ed Espiunca.