Monza Eni Circuit

Sono già stati posati cinquanta nuovi alberi ma entro pochi mesi saranno quasi 3mila le piante che il Monza Eni Circuit pianterà a proprie spese nel Parco di Monza. L’Autodromo ha iniziato nei giorni scorsi la messa a dimora dei primi cinquanta esemplari di carpini a pronto effetto. Sono alti cinque metri. A ricostruzione di un filare lungo un viale tra la seconda curva di Lesmo e il Serraglio. Il lotto di cui fanno parte i carpini è composto da 554 piante in totale. Verrà interamente posato entro l’inizio della stagione primaverile.

Monza Eni Circuit, novità

Si tratta dell’intervento di impianto, a compensazione del taglio di qualche centinaia di alberi posti nelle aree verdi interne alla porzione del Parco di Monza di competenza del Tempio della Velocità, in un rapporto di un albero piantato a fronte di uno tagliato o schiantato. La rimozione delle piante, avvenuta negli ultimi anni, ha permesso di migliorare la sicurezza delle aree dell’Autodromo nelle quali sono state rilevate situazioni di rischio. Gli interventi hanno infatti interessato sia soggetti arborei in condizioni vegetative preoccupanti all’interno di zone interessate al transito e alla sosta di persone e mezzi sia alberi schiantati dal vento in occasione dei violenti fortunali. Hanno caratterizzato le ultime stagioni estive.

Alberi

Nell’ambito degli interventi di manutenzione e valorizzazione degli spazi verdi del Parco da parte del Monza Eni Circuit, oltre agli alberi del primo lotto, è prevista la messa a dimora di altre 2.400 piante sempre entro la primavera. L’operazione assolve l’adempimento previsto dalla passata convenzione per la concessione dell’area dell’Autodromo di Monza per gli anni dal 2016 al 2019. Include appunto la posa di 600 piante forestali all’anno.

Piantine forestali

Le piantine forestali saranno di provenienza certificata appartenenti al corredo floristico del Parco. Con seme proveniente dal patrimonio genetico regionale lombardo. Adatte alla messa a dimora nelle porzioni di parco boscate o da rimboschire perché in grado di svilupparsi idoneamente al contesto e alle condizioni stazionarie specifiche. Le 554 piante a sostituzione dei tagli saranno invece in buona parte esemplari adulti tra i 3 e i 6 metri di altezza. Si è scelto infatti l’impiego di esemplari dal pronto effetto, laddove le piante saranno messe a dimora lungo viali, a ricostituzione dei filari preesistenti, o isolate; nelle aree boscate si preferirà la scelta di piantine forestali abbinate alle necessarie cure colturali pluriennali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *