MAUTO

Il Museo Nazionale dell’Automobile di Torino, MAUTO, riapre le porte per riscoprire la storia dell’automobile. Da domani mercoledì 17 febbraio, con orario ridotto e a una tariffa speciale di 5 euro per gli under 26. Salvo aggiornamenti ministeriali, i nuovi orari rimarranno in vigore fino a domenica 28 febbraio. Tante le novità ad attendere i visitatori.

MAUTO @Lopresto

MAUTO, visite guidate a prezzi speciali

Oltre alla visita libera, il MAUTO offre la possibilità di effettuare visite guidate per piccoli gruppi (max 5 persone) alla tariffa speciale di 60 € (+ biglietto di ingresso al museo). Un’occasione per scoprire storie, aneddoti e curiosità legate ai pezzi più importanti di una collezione museale unica al mondo. Il percorso delle visite guidate ha inizio al secondo piano del museo e si articola lungo le oltre 30 sezioni dell’esposizione. Tutti coloro che parteciperanno alla visita guidata riceveranno in omaggio un catalogo di una mostra del MAUTO. La durata è di 75 minuti.

MAUTO 2

Le novità in esposizione

Una selezione di bicicli, tricicli e quadricicli, alcuni non esposti al pubblico da 15 anni, facenti parte della collezione del MAUTO e normalmente conservati nell’Open Garage, tornano a farsi ammirare, per l’occasione speciale della riapertura. Questi gli otto esemplari esposti: la primordiale BOLLÉE 3 HP che esordì nel 1896 alla corsa Parigi-Marsiglia. Il DE DION & BOUTON MOD. 1 ¾ HP QUADRI del 1899, versione a quattro ruote del celebre triciclo. La PRINETTI & STUCCHI mod.1 ¾ HP Quadri del 1899. La ROSSELLI MOTOCICLETTA del 1902. La MOTO GUZZI del 1921, capostipite delle motociclette Guzzi. La GILERA GRAND PRIX del 1952, campione del mondo tra il 1950 e il 1957. La DUCATI 851 SBK del 1990 e la leggendaria GILERA CX 125 del 1991 con il suo inconfondibile stile avveniristico.

Esposizione straordinaria – fino al 3 maggio – della Abarth 1000 Record Pinin Farina. L’esposizione speciale della vettura Pinin Farina anticipa la mostra dedicata alla storica carrozzeria e alle celebrazioni per i suoi 90 anni (+1).

Infine, tornano nella sezione design sei gioielli della collezione museale. La Fiat 500 A Bertone (1936/1947), l’Alfa Romeo Disco Volante (1952). L’Alfa Romeo 2600 Touring Spider (1965). L’Alfa Romeo 1600 Touring Spider Junior “Duetto” (1972), la Maserati Mexico (1968), la Ferrari 308 GTB (1980).

MAUTO 3

MAUTO, il calendario del 2021

Il MAUTO ha predisposto un ricco calendario di eventi per il 2021: si parte già in marzo con le celebrazioni per i 10 anni della riapertura del Museo e la sua intitolazione all’Avv. Gianni Agnelli – di cui ricorrono i 100 anni dalla nascita. A maggio verrà inaugurata la grande mostra dedicata ai 90 anni (+1) della Carrozzeria Pininfarina, mentre in autunno una retrospettiva ricorderà i 100 anni dalla nascita del designer torinese Giovanni Michelotti.  Saranno inoltre allestite la mostra dedicata alla pittrice torinese Caty Torta, allieva di Felice Casorati e grande appassionata di automobili, e la mostra “Quei temerari delle strade bianche Nuvolari, Varzi, Campari e altri eroi alla Cuneo – Colle della Maddalena” basata sull’archivio Scoffone e realizzata in collaborazione con il Comune di Cuneo.

Alcune esposizioni speciali ricorderanno infine i 50 anni della Lamborghini Countach del maestro Marcello Gandini e della Fiat 127 disegnata da Pio Manzù; un omaggio particolare sarà dedicato alla Jaguar E-type, la leggendaria auto di Diabolik, a 60 anni dal lancio della versione coupé. Il 2021 è anche l’anno in cui ricorre il Centenario della Lancia Lambda e il museo, a inizio settembre, sarà il palcoscenico dell’esposizione che vedrà una decina di esemplari in mostra e si terranno alcune conferenze sulla vettura più rivoluzionaria ed innovativa mai costruita, capolavoro di Vincenzo Lancia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *