Hoya

Lo Smart Working ha avuto come conseguenza un aumeno dellle richieste di protezione visiva in relazione all’aumento del tempo trascorso davanti ai device elettronici. A confermarlo Hoya, multinazionale giapponese. E’ uno dei principali player a livello mondiale nel settore delle lenti da vista. Ha infatti registrato un aumento della richiesta di lenti di ben due volte superiore alla media della crescita totale.

Disagi visivi

L’utilizzo intensivo dei dispositivi elettronici, soprattutto a distanza ravvicinata e in modalità multidevice, provoca, infatti, evidenti disagi visivi. Talvolta sono inizialmente percepiti come irritazione degli occhi per la visione prolungata di schermi retroilluminati, secchezza oculare causata dalla scarsa lubrificazione dovuta al ridotto ammiccamento, visione offuscata a intermittenza dovuta all’eccessiva luminosità dei supporti e mal di testa per stanchezza anche dopo sole due ore di utilizzo.

Dichiarazioni

Ne ha parlato Lucio Buratto, Fondatore e Direttore Centro Ambrosiano Oftalmico. “Per vedere bene o lavorare a lungo di fronte a uno schermo digitale, i nostri occhi sono sottoposti a una continua opera di “messa a fuoco” e a rapidissimi movimenti oculari. Alla lunga, “stressano” e usurano tutto il sistema visivo. Inoltre, per vedere in maniera più chiara o più nitida davanti agli schermi, la nostra testa e il corpo assumono spesso posture “strane”, con possibili conseguenti spasmi muscolari, dolori al collo, alle spalle ed alla schiena”.

Hoya, le lenti

I Centri Ottici Hoya Center offrono soluzioni visive di qualità. Le lenti progressive Hoyalux iD MySelf offrono visione ampia e nitida a tutte le distanze e prestazioni visive elevate in tutte le attività, anche quelle digitali, e adattamento semplice e veloce. Le lenti Sync, le monofocali evolute che aiutano a prevenire e ridurre l’Affaticamento Visivo Digitale. Offrono una più facile messa a fuoco e minor stress visivo durante le attività prolungate su schermi digitali. Le lenti con trattamento BlueControl, che proteggono dalla luce blu emessa dai dispositivi digitali, proprio tra i 445 e i 455 nm, cioè l’intervallo dello spettro in cui smartphone, tablet, schermi LCD e Led hanno emissione della luce blu molto ben definita. Adatte anche a chi non porta occhiali e a chi vuole associare alle necessità visive anche comfort e protezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *