Gauguin A Tahiti
Gauguin A Tahiti

E’ in arrivo “Gauguin A Tahiti. Il Paradiso Perduto”. La figura di Paul Gauguin, pittore francese della fine del 1800 tra i maggiori rappresentanti del post-impressionismo, è da sempre rappresentativa dell’autenticità e dell’incontaminatezza de Le Isole di Tahiti. E’ il luogo in cui trascorse diversi anni della sua vita proprio alla ricerca di questi aspetti ormai perduti nella società occidentale. Il primo aprile del 1891, a bordo della nave Océanien, Paul Gauguin lasciò Marsiglia diretto a Tahiti. Lì verrà profondamente ispirato dalle bellezze naturali dell’isola e dalla particolare purezza dei suoi abitanti. Popoleranno alcune delle sue opere più celebri.

Gauguin a Tahiti, il docu-film

In arrivo nei cinema italiani solo il 25, 26 e 27 marzo (elenco sale su www.nexodigital.it). E’ il nuovo appuntamento del progetto della Grande Arte al Cinema. E’ un viaggio alla ricerca delle origini quello proposto da GAUGUIN A TAHITI. IL PARADISO PERDUTO, il nuovo docu-film con la partecipazione straordinaria di Adriano Giannini, diretto da Claudio Poli, su soggetto di Marco Goldin e Matteo Moneta, che firma anche la sceneggiatura, e prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital con il sostegno di Intesa Sanpaolo. Ripercorrendo le tracce di una biografia che appartiene ormai al mito e di una pittura raffinatamente primordiale, il film evento, che vanta una colonna sonora originale firmata dal compositore e pianista Remo Anzovino, ci guiderà infatti in un percorso tra i luoghi che Gauguin scelse come sua patria d’elezione e attraverso i grandi musei americani dove sono custoditi i suoi più grandi capolavori. New York col Metropolitan Museum, Chicago con il Chicago Art Institute, Washington con la National Gallery of Art, Boston con il Museum of Fine Arts.