Parcheggiare un veicolo commerciale, più lungo di Mondeo wagon di oltre un metro, in strade affollate o aree di carico e scarico, può davvero diventare un incubo. Per un’attività commerciale, anche un piccolo incidente, può costare molto. Sia in termini di denaro sia di tempo lavorativo perduto. Con esborsi per la riparazione del mezzo e aumento dei costi di assicurazione, soprattutto nel caso sia coinvolta una terza parte. Grazie all’introduzione di tecnologie innovative, Ford Transit elimina lo stress da parcheggio. Aiuta a evitare gli eventuali piccoli ma costosi imprevisti.

Active Park Assist

L’Active Park Assist agevola il parcheggio, identificando, nelle aree circostanti, spazi idonei per il veicolo indirizzandolo automaticamente, mentre il conducente controlla l’acceleratore e i freni. Il sistema contribuisce a rendere più semplici le manovre di parcheggio, sia in serie, come quelle necessarie nelle aree di carico e scarico, sia in parallelo, necessitando di uno spazio di soli 0,80 cm maggiore rispetto alla lunghezza del veicolo. Ulteriori tecnologie disponibili a bordo di Transit per supportare gli utenti nelle manovre di uscita dai parcheggi o nelle percorrenze in aree urbane molto affollate, includono il Park-Out Assist, il Cross Traffic Alert, il Side Sensing System e i Front e Rear Wide-View Camera.

Ford Transit avanzato

Disponibile sull’ultima generazione di Transit e Transit Custom introdotta nel 2019, la tecnologia Active Park Assist funziona utilizzando 12 sensori a ultrasuoni posizionati attorno al veicolo. Il sistema può parcheggiare in scenari in cui non è presente alcun marciapiede, allineandosi con un altro veicolo in sosta. Funziona anche nel caso di parcheggio in pendenza.

Dichiarazioni

“Le fermate frequenti sulle strade trafficate delle nostre città, sono la norma per molti conducenti di veicoli commerciali durante la giornata lavorativa. Ciò può rappresentare una vera sfida quando si guida un veicolo dalle dimensioni così importanti. Le tecnologie Ford, come l’Active Park Assist, aiutano gli operatori commerciali a sfruttare al meglio le proprie energie. Senza perdere troppo tempo e con meno stress nelle manovre di parcheggio”. Ian Porter, Transit Chief Programme Engineer