Mustang 50 years

Ford presenta al North American International Auto Show la nuova Mustang Bullitt Limited Edition.

Ford Mustang Bullitt: dettagli del nuovo gioiellino di casa Ford

La nuova Ford Mustang Bullitt Limited Edition è stata equipaggiata con un motore V8 5.0, infatti è in grado di arrivare a 481CV.

Al NAIAS viene svelata la nuova generazione del pick-up Ranger per il mercato americano, comprensivo di un propulsore EcoBoost 2,3 abbinato alla trasmissione automatica a 10 rapporti.

Ford celebra il 50° anniversario del film americano Bullitt e del suo celebre inseguimento ambientato sulle strade di San Francisco.

Il nuovo SUV Edge di casa Ford sarà il più smart di sempre, in grado di

EDGE ST 2
Ford Egde ST 2

abbinare dispositivi di assistenza alla guida con tecnologie first-in-segment.

La Mustang Bullitt Limited Edition è

equipaggiata con trasmissione manuale e la tecnologia di regolazione del sound dello scarico di serie.

Inoltre l’auto sarà caratterizzata dal quadro strumenti LCD da 12”, lo stesso presente a bordo della nuova Mustang, ma arricchito da una schermata a tema Bullitt.

Ford Mustang Bullitt: ecco le parole del Chief Designer di Mustang

Questa Mustang Bullitt Limited Edition è come Steve McQueen, assolutamente così”.

Come designer, è la mia Mustang preferita, senza stripes, spoiler e badge”.

Non ha bisogno di alzare i toni per farsi notare: è semplicemente fantastica”.

Ford Mustang Bullitt: tutte le personalizzazioni possibili

Le tonalità per gli esterni sono due: Shadow Black e il classico Dark Highland Green, stesso colore della Mustang usata nel film.

Mustang Bullitt Limited Ed
Mustang Bullitt Limited Ed

In omaggio alla vettura guidata da McQueen, la Ford Mustang Bullitt Limited Edition è stata arricchita con dei dettagli cromati per la griglia e per i finestrini anteriori.

Oltre a tutto ciò ci saranno pure dei cerchi cromati da 19” personalizzati come la vettura del celebre film.

Di Luca Talotta

Nasce in Calabria, cresce a Milano. Mezzadro del mestiere, si sente più blogger che giornalista. Una vita trascorsa a pane e calciomercato, segue tutti gli sport ma non ne pratica uno, teoria che ha accompagnato i più grandi giornalisti italiani. Che sia la strada giusta? Forse. Per ora si diletta a fare il giornalista. Con che risultati, decidete voi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *