Engie
Engie

Engie Italia, player dell’energia e dei servizi, ha partecipato alla terza edizione del Forum Sport & Business (Il Sole 24 Ore), portando all’attenzione dei presenti il tema delle “Smart Arenas” e la necessità di investimento nel loro sviluppo da parte del nostro paese.

Engie e gli stadi italiani

Guardando la situazione attuale degli stadi emerge la necessità di riqualificare le strutture sportive esistenti così dal renderle in linea con gli standard europei. L’età media degli stadi italiani, infatti, è di 64 anni per la Serie A e di 68 anni per la Serie B. L’ultimo importante restyling è stato effettuato ormai quasi 30 anni fa, alla vigilia dei Mondiali di Italia ’90. Da allora gli investimenti, così come gli interventi sull’impiantistica, si sono fermati. Il risultato è che gli stadi sono vecchi e poco accoglienti, lontani da quelli che sono gli standard continentali attuali.

Obiettivi futuri

In quest’ottica, l’obiettivo di Engie è quello di lavorare sulle strutture già esistenti, rendendole parte integrante dell’urbanistica della città, smart e sostenibili attraverso l’impiego di tecnologie, big data, Intelligenza Artificiale e l’utilizzo di misure per l’efficienza energetica. L’utilizzo sinergico di tutti questi aspetti, oltre a ridisegnare le strutture e la loro collocazione all’interno del tessuto urbano, possono favorire la creazione di luoghi in grado di garantire una nuova fan experience ripensata su community di tifosi e sportivi sempre più esigenti garantendo, al contempo, un basso impatto ambientale.

Stadi e tecnologie

Dal punto di vista dell’innovazione, l’impianto tecnologico di uno stadio non è solo quello che serve alla sicurezza e alla gestione efficiente degli impianti. E’ anche quello che gestisce gli “effetti” dello stadio nel contesto urbano. Parliamo di eflusso, traffico e, soprattutto, impatto acustico. Engie, nelle fasi di progettazione, utilizza le tecnologie BIM (Building Information Modeling). Consentono di rilevare e progettare i flussi e gli impatti ambientali, luminosi e acustici. Quando lo stadio è in attività, invece, mette in campo soluzioni basate su l’IoT che permettono un monitoraggio costante di tutti i parametri della struttura e una gestione estremamente efficiente. Grande attenzione anche per l’impianto di illuminazione. Si basa rigorosamente sull’utilizzo di soluzioni LED in grado di generare un risparmio del 75%.

Dichiarazioni

“Trasformare le strutture esistenti nelle cosiddette “Smart Arenas”, rappresenta un investimento, e non un costo, in grado di generare valore per tutto il Sistema Paese” ha dichiarato Luca Fiorucci CEO di Engie Program. “Strutture intelligenti completano l’offerta che un club può garantire ai suoi diversi interlocutori. Per i propri fan, la possibilità di vivere un’esperienza che va oltre la semplice “partita” e che rappresenta un incentivo a ritornare allo stadio per fruire di ulteriori servizi. Per gli altri stakeholders, i matchday, eventi e le altre attività possono rappresentare una vera e propria opportunità di sviluppo di networking e di business. I club, quindi, opererebbero come “aziende” creando ciò che già all’estero viene definita “sport Industry” . ENGIE Program – continua Luca Fiorucci – vuole avere un ruolo primario in questo processo di evoluzione. Il nostro obiettivo consiste nel portare la nostra esperienza e professionalità, maturate nei settori terziario e industriale, all’interno del mondo sportivo italiano.”