E_mob 2020
E_mob 2020

Si avvicina un grande novembre. E’ il mese infatti in cui andrà in scana un’edizione straordinaria di e_mob, l’eMobility Festival. Alla prestigiosa location dell’auditorium Testori di Palazzo Lombardia di Milano, sede della Regione, si aggiungono le altrettanto suggestive dimore di Palazzo Giureconsulti e di Palazzo della Ragione, a due passi dal cuore di Milano, Piazza Duomo. Edifici storici affacciati su Piazza Mercanti. Da lì si snoderà l’area espositiva di veicoli a emissioni zero fino a Piazza Castello. Proprio davanti alla fortificazione che ospitò la prima edizione di e_mob.

E_mob, date

A dilatarsi sono pure i giorni della rassegna che diventano cinque. I due giorni iniziali del fine settimana (7-8 novembre) con i mezzi ecologici in mostra anticipano la tre giorni della tradizionale Conferenza Nazionale della Mobilità Elettrica (9-11 novembre). Trasformerà Milano nella capitale europea della mobilità elettrica.

Mobilità Elettrica

Cuore di e_mob rimane la tre giorni di incontri, conferenze e workshop. In passato sono uscite molte delle proposte adottate dai Governi per favorire i trasporti a basse emissioni. Tra questi gli incentivi ai veicoli elettrici a due e quattro ruote o i provvedimenti per agevolare la ricarica inseriti nel recente “Decreto semplificazioni”. Una rassegna che l’anno scorso ha attirato oltre 2.500 uditori davanti ai 120 relatori presenti nei 20 convegni in programma. Quest’anno si dividerà tra Palazzo della Regione e Palazzo Giureconsulti con un unico proposito da perseguire. Elaborare soluzioni efficaci per la decarbonizzazione del comparto dei trasporti, necessaria per il raggiungimento degli obiettivi di contenimento del surriscaldamento globale fissati dall’Accordo di Parigi del 2015.

Si amplia la comunità

A contribuire a rendere straordinaria la quarta edizione di e_mob è pure una comunità allargata a nuovi membri di prestigio, con un Comitato Scientifico rafforzato dalla presenza di Anfia (Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica), Rfi (Rete ferroviaria italiana) e Unrae (Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri). Adesioni capaci di allargare le competenze della community di e_mob e fornire contributi qualificati e autorevoli per un’efficace transizione verso la mobilità a basse emissioni. A impreziosire la rassegna 2020 saranno pure le riflessioni dei rappresentanti di numerose realtà locali. Tra questi i Comuni dell’area metropolitana milanese e quelli firmatari della Carta Metropolitana della Mobilità Elettrica.

Ragazzi e ragazze protagonisti

Di straordinario il prossimo eMobility Festival ha pure il coinvolgimento di ragazze e ragazzi. Sono i cittadini del futuro. Più di tutti dovranno affrontare le conseguenze dei cambiamenti climatici nei decenni a venire. Sono state coinvolte tutte scuole primarie e secondarie di I e II grado dell’area metropolitana di Milano. Insieme a numerose altre scuole appartenenti ai Comuni firmatari della Carta della Mobilità Elettrica. A studenti e studentesse sono dedicate numerose attività didattiche sui temi della mobilità sostenibile, dell’energia rinnovabile, della tutela ambientale e delle risorse naturali. Una serie di workshop esperienziali, animazioni, contributi di e-learning e percorsi didattici realizzati con il coordinamento del Comune di Milano, l’ospitalità della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e il contributo di tutti i partner.