In anni recenti abbiamo assistito ad un rapido e intenso sviluppo delle tecnologie, che ha permesso di osservare numerose novità ed evoluzioni interessanti anche televisioni e decoder. Conosciamo meglio, in questo articolo, il decoder satellitare

Chiariamo, per prima di cosa, di cosa si tratta. Il decoder è uno strumento elettronico che consente di fruire di canali televisivi e servizi. La tipologia di decoder più conosciuta è quella dei decoder a digitale terrestre, ma in Italia sono molte anche le  tv con decoder satellitare 

Tipologie di decoder satellitare

Nel panorama dei decoder satellitari, se ne distinguono alcuni di analogici e alcuni altri di digitali. Naturalmente, i primi decoder permettono la fruizione di immagini e canali che vengono trasmessi solo per via analogica; a differenza dei secondi, che permettono di visualizzare i canali trasmessi in digitale e quindi quelli in più alta definizione. 

Oggi, in commercio, esistono diversi modelli di televisore con decoder satellitare integrato, che permettono la fruizione di numerosi servizi. Comunque, prima di acquistare un decoder satellitare è utile accertarsi della sua compatibilità con lo standard di trasmissione del segnale di nuova generazione, cioè TVB T2. 

Decoder satellitare: canali cifrati e connessione WiFi

I decoder satellitari, come quelli digitali terrestri, permettono la visione dei canali cifrati, come quelli delle televisioni a pagamento. Per potersi godere i programmi offerti da queste televisioni, occorre che il decoder satellitare sia attrezzato per la lettura delle Smart card. Inoltre, è bene considerare che ogni decoder satellitare è compatibile con dei precisi canali cifrati, quindi è necessario accertarsi preventivamente di quali essi siano. 

Per quanto riguarda la connessione WiFi, esistono diversi decoder satellitari che consentono il collegamento Internet della Tv e altri che vi si collegano con l’utilizzo del cavo Ethernet. Sia che il decoder sia connesso direttamente ad Internet o che necessiti del tramite del cavo, una volta collegato alla rete permette la fruizione di video on demand e altri contenuti tra quelli disponibili online. 

Satellitare e digitale terrestre: in cosa differiscono

I decoder digitali terrestri si sono diffusi in tutte le case degli italiani a partire dal luglio del 2014, quando si è operato lo switch off, che ha comportato la fine delle trasmissioni per via analogica. Da allora, i decoder digitali terrestri sono stati prodotti da diverse aziende, ognuno con differenze di prezzo e funzionalità. Esistono, in particolare, i decoder per digitale terrestre che:

  • consentono la ricezione dei canali in chiaro;
  • permettono la ricezione dei canali in chiaro e a pagamento;
  • consentono la ricezione dei canali in alta definizione, sia in chiaro che a pagamento.

Ciò che li distingue, soprattutto, dai decoder satellitare è che questi ultimi trasmettono il segnale grazie all’impiego di un’antenna parabolica. Essa permette il ricevimento del segnale satellitare e la sua trasmissione al decoder, che, a sua volta, lo decritta. Ci sono decoder satellitari che:

  • danno accesso a canali in chiaro;
  • permettono l’accesso a canali a pagamento;
  • danno accesso a Pay Tv a 720p o 1080p.