DealerSTAT
DealerSTAT

Toyota, Lexus, Mercedes, Bmw e Seat. Sono queste le case automobilistiche nell’ordine che meglio hanno supportato i concessionari italiani in tempo di Covid-19. Lo ha stabilito l’indagine DealerSTAT svelata da Quintegia durante l’Automotive Forum Live.

DealerSTAT, la classifica

Il grado di soddisfazione espresso dai dealer nei confronti dei costruttori in piena emergenza da Coronavirus è stato complessivamente sufficiente, sia nella tempestività delle contromisure (3,21 in una scala da 1 a 5 con 21 marchi promossi su 29) che nell’efficacia delle stesse, dove il dato cala a 3,03. Toyota è risultata la Casa migliore sia per tempestività (4,52) che per efficacia delle contromisure (4,25) in ordine a strumenti finanziari di sostegno e riequilibrio nella gestione economica, alla gestione del valore degli stock, alla gestione cliente da remoto, alla formazione specifica in tempo di crisi e alla comunicazione locale. A poca distanza, in entrambi i casi, si posiziona – sempre per Toyota – la sorella Lexus. Bmw completa il podio della tempestività e Mercedes quello dell’efficacia delle contromisure.

Numeri

Il panel intervistato da Quintegia (1085 questionari, 52% dei dealer italiani) e presentato in occasione del primo di una serie di video-appuntamenti dedicati all’automotive, ha poi indagato sulle previsioni delle reti di vendita relative al mercato. Il calo del fatturato 2020 sulle vendite di auto nuove, secondo i concessionari si attesterà intorno a -38%. Per usato e post-vendita il decremento sarà rispettivamente del 27% e 18% per un disavanzo dei dealer rispetto alle performance dell’anno precedente di oltre 14 miliardi di euro. Quanto alla ripresa, è prevista perlopiù a partire dal medio-lungo termine (da metà 2021). Anche se per il 46% dei grandi concessionari (fatturato oltre 150 milioni di euro) il comportamento del cliente non sarà più lo stesso del pre-crisi.