cartello libro 01

Libro Bianco sulla comunicazione ambientale: 13 testimonianze per spiegare le tante problematiche legate all’ambiente nella sua complessità. Matteo Colle di Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, porta la sua esperienza nell’ambito della comunicazione ambientale nei servizi di pubblica utilità. Il Libro Bianco si compone di 13 capitoli, curati da altrettanti autori, molti dei quali appartenenti al gruppo di lavoro dedicato alla comunicazione ambientale di Ferpi. Capitoli che indagano la comunicazione ambientale da diversi punti di vista, offrendo spunti di riflessione e strumenti operativi.

 Il delicato tema della comunicazione dei servizi pubblici

Come spiegare temi urgenti e complessi quali i cambiamenti climatici o il progressivo degrado dei nostri ecosistemi? Come distinguere le buone pratiche di sviluppo sostenibile dalle trappole del greenwashing?. Sono solo alcune delle domande alle quali il Libro Bianco sulla comunicazione ambientale cerca di rispondere. Lo fa raccogliendo le esperienze di alcuni dei più rappresentativi professionisti del settore. Pubblicato da Pacini Editore per la collana New Fabric e curato da Sergio Vazzoler e Stefano Martello, il libro, attraverso 13 testimonianze, affronta il tema della comunicazione ambientale nella sua complessità. Tra le testimonianze, Matteo Colle affronta il tema della comunicazione dei servizi pubblici, un crocevia complesso tra comunicazione di servizio e mercato.

Una riflessione strategica sulla sostenibilità

“Il punto di partenza – racconta Colle – è un assunto non negoziabile. Il Pianeta sta cambiando con una velocità inusitata e noi tutti siamo immersi in una società sempre più complessa. La prima e più radicale domanda è, a che condizione è possibile e sostenibile fare business e fare impresa. Quando parliamo di sostenibilità e di responsabilità delle aziende, sbaglieremmo a intenderle come un generico rispetto per le condizioni dell’ambiente e delle relazioni sociali ed economiche in cui l’azienda si trova immersa. Al contrario lo sviluppo di una riflessione strategica sulla sostenibilità mette in gioco le condizioni stesse di possibilità del business industriale e della sua profittabilità. Da qui deve partire la comunicazione ambientale”. Di fondamentale importanza è dunque il rapporto che va costruito con i portatori di interesse (stakeholder engagement). Più aumenta il grado di partecipazione, più cresce il peso degli stakeholder nelle decisioni e nelle dinamiche organizzative e strategiche.

Coerenza tra messaggio e comportamenti

Sergio Vazzoler, curatore insieme a Stefano Martello del volume sottolineano: “Non esiste un’alternativa alla comunicazione trasparente, autentica e orientata al dialogo. Le imprese devo compiere un ulteriore salto culturale nella comunicazione. Devono formare le proprie persone a rendere tangibile la propria sostenibilità ambientale. Che deve tradursi nella coerenza tra messaggio e comportamenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *